Si sono tenuti nel castello di Windsor, in forma ridotta e senza cerimoniale di Stato, secondo indicazioni lasciate dallo stesso Filippo, i funerali del principe

I funerali del principe Filippo, marito della Regina Elisabetta II del Regno Unito morto a 99 anni, sono stati celebrati sabato pomeriggio nella cappella del castello di Windsor, residenza reale fuori Londra. Sono stati predisposti quando il principe Filippo era ancora in vita, in forma ridotta e senza cerimoniale di Stato, solitamente riservato ai monarchi o previsto in casi eccezionali, come fu per il primo ministro Winston Churchill. A causa delle restrizioni per il coronavirus, alla cerimonia religiosa hanno partecipato soltanto trenta persone, fra membri della famiglia reale britannica e parenti di Filippo. Il feretro, custodito nella sala interna del castello, è stato trasportato nella cappella di San Giorgio a bordo di un modello speciale di Land Rover Defender progettato negli ultimi anni dallo stesso principe Filippo in collaborazione con l’azienda. La regina Elisabetta II è rimasta isolata per tutta la cerimonia come da protocollo ed è stata la prima a lasciare Windsor. Nato a Corfù dal principe Andrea di Grecia — fratello del re Costantino I — e dalla principessa Alice di Battenberg, Filippo si stabilì definitivamente nel Regno Unito all’inizio degli anni Trenta dopo aver vissuto tra Grecia, Francia e Germania. Nel 1939 entrò nella Royal Navy, la marina militare britannica, e successivamente fu ammesso al Britannia Royal Naval College di Dartmouth, dove conobbe la futura regina Elisabetta II, che sposò il 20 novembre del 1947. Per l’occasione abbandonò i titoli nobiliari greci e adottò il nome di Philip Mountbatten. Durante la Seconda guerra mondiale partecipò a diverse importanti operazioni militari della marina britannica e fu nominato tenente. Alla fine della guerra tornò nel Regno Unito e venne nominato istruttore della Royal Navy. Ma dopo la morte di re Giorgio VI e l’incoronazione di Elisabetta II, nel 1953 Filippo rinunciò ai suoi ruoli nella marina, congedandosi con il grado di ammiraglio di flotta. Da allora, in quanto principe consorte della regina, Filippo si dedicò interamente agli obblighi previsti dal suo ruolo, aiutando la moglie nei suoi impegni di sovrana del Regno Unito.

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi