Serie C.  Il Potenza “ruggisce” a Picerno: vince il derby 1 a 0

La trentaduesima giornata del campionato di serie C mette di fronte Picerno e Potenza allo stadio “Curcio” del centro melandrino; un derby lucano tra le due squadre, al momento, più rappresentative della Basilicata. Essendo un derby, non è una partita come le altre, è sentita in maniera importante da ambedue le formazioni, sia per i tre punti in palio e sia per il prestigio. Il Picerno, con 40 punti, viaggia spedito a centro classifica ed è reduce dalla sconfitta di Foggia per 3 a 2. Il Potenza, invece, impelagato nella parte bassa della graduatoria a 27 punti, viene dal pareggio interno per 1 a 1 contro il Taranto. I melandrini hanno voglia di continuare il loro sorprendente campionato sognando un posto nei playoff e, perché no, fare uno sgambetto ai “cugini” del capoluogo. I potentini, dal canto loro, hanno un disperato bisogno di punti per provare a raggiungere la salvezza diretta evitando la lotteria dei playout. L’ultimo precedente al “Curcio” risale alla serie D 2017/2018, quando il Picerno si impose 5-3: doppietta di Esposito, Agresta, Franzese e Morra le reti picernesi; Franca, Di Somma e Bertolo per i potentini. Tra le tante curiosità che avvolgono questa sfida bisogna segnalare che Pasquale Arleo, attuale tecnico del Potenza, ha allenato il Picerno per due anni e mezzo ed era presente sulla panchina melandrina proprio in quel 5-3. Francesco Dettori, centrocampista del Picerno, ha vestito la casacca del “leone rampante” per sei stagioni, con all’attivo 162 presenze ed 8 gol. L’arbitro dell’incontro, il signor Francesco Carrione di Castellamare di Stabia, era lo stesso arbitro del già citato 5-3 per i melandrini. In questo campionato, all’andata al “Viviani”, si impose il Potenza 2 a 0 grazie alle reti di Piana e Zagaria. Questa sera lo stadio “Curcio” è gremito in ogni ordine di posto, sold out, con circa 500 tifosi giunti dal capoluogo di regione per supportare il Potenza. Mister Colucci schiera il Picerno con il 4-4-2: Albertazzi in porta, Guerra, Garcia, De Franco e Finizio a comporre il pacchetto difensivo. Le chiavi del centrocampo sono affidate a Dettori e D’Angelo supportati da De Cristofaro sulla fascia destra e da Esposito sulla sinistra. Tandem d’attacco costituito da Reginaldo e Gerardi.

Il Potenza di Arleo risponde con il 4-3-3: Greco tra i pali, Sepe, Matino, Cargnelutti e Coccia in difesa. Nigro, Bucolo e Sandri sulla mediana del campo. Tridente offensivo composto da Burzio, Cuppone e Salvemini. Prima del fischio di inizio è stato osservato un minuto di raccoglimento in memoria di Giusy Marsico, vice sindaco di Picerno, scomparsa il 23 febbraio 2022. I melandrini giocano con il lutto al braccio. Partita molto tattica e bloccata nella prima frazione di gioco. La prima azione degna di nota è di marca potentina: cross dalla destra di Bucolo per Cuppone che in area colpisce di testa ma il pallone termina di poco fuori. Il Picerno si fa vedere in avanti solo al 40’ con una bella rovesciata in area di Esposito con la sfera che si alza sopra la traversa. Al 45’ ci provano ancora i padroni di casa con un potente sinistro da fuori area di D’Angelo che si spegne sul fondo. Dopo due minuti di recupero termina a reti inviolate il primo tempo avaro di emozioni. Ad inizio ripresa dopo un’azione convulsa degli ospiti, ci prova Coccia da fuori area con il tiro che termina alto (47’). Bella azione potentina sulla fascia destra al 60’: Coccia appoggia per Cargnelutti che crossa al centro aria per Romero il quale incorna il pallone ma la conclusione esce poco lontana dalla porta picernese. All’83’ l’azione che cambia l’inerzia della partita: punizione dal limite sinistro dell’area a favore del Potenza affidata a Zenuni, cross al centro dove si avventa di testa Cargnelutti che batte Albertazzi per l’uno a zero per gli ospiti. Terzo gol consecutivo per il difensore rossoblu dopo quelli al Latina ed al Taranto. Dopo quattro minuti di recupero termina 1 a 0 per il Potenza il derby lucano. Tre punti di platino per gli uomini di Arleo che salgono a 30 punti agganciando in classifica la Paganese. Mercoledì prossimo al “Viviani” ci sarà lo scontro salvezza proprio contro i campani. Il Potenza è vivo e pronto a lottare contro chiunque in questo finale di stagione per rimanere in serie C.

Il Tabellino

Potenza (4-3-3): Greco, Sepe, Matino, Cargnelutti, Coccia, Bucolo, Nigro, Sandri (62’ Zenuni), Burzio (62’ Guaita), Cuppone (93’Zampano), Salvemini (46’ Romero). A disposizione: Marcone, Vecchi, Koblar, Ricci, Costa Ferreira, Sueva, Volturno, Buchicchio. Allenatore: Arleo.

Picerno (4-4-2): Albertazzi, Finizio (29’Setola), De Franco, Garcia (71’ Ferrani), Guerra, De Cristofaro (56’ Senesi), Dettori, D’Angelo (56’ De Ciancio), Esposito (71’ Vivacqua), Reginaldo, Gerardi. A disposizione: Viscovo, Pitarresi, Allegretto, Carrà, Viviani, Di Dio, Parigi. Allenatore: Colucci.

Arbitro: Carrione di Castellamare di Stabia.

Assistenti: Miniutti di Maniago e Ceolin di Treviso.

Quarto ufficiale: Cascone di Nocera Inferiore.

Marcatori: 83’ Cargnelutti (Po)

Ammoniti: D’Angelo (Pi), De Cristofaro (Pi), Esposito (Pi), De Franco (Pi).

Espulsi: nessuno.

Angoli: 3 (Pi) 0 (Po).

Recupero: 2’ (pt), 4’ (st).

Note: serata serena ma fredda, 3 gradi. 1150 spettatori di cui 477 tifosi giunti da Potenza. Incasso di 14 780 euro.

Trentaduesima giornata serie C girone C, i risultati: Picerno-Potenza 0-1; Messina-Catanzaro 2-3; Taranto-Avellino 0-1; Palermo-Fidelis Andria 1-1; Monopoli-Vibonese 3-0; Turris-Monterosi 0-2; Bari-Juve Stabia 1-0; Catania-Campobasso 1-1; Paganese-Foggia 1-4; Latina-Virtus Francavilla 0-0.

Classifica: Bari 68, Catanzaro 58, Avellino 55, Virtus Francavilla 55, Monopoli 55, Palermo 52, Foggia 47, Turris 45, Latina 44, Juve Stabia 42, Picerno 40, Catania 40, Monterosi 40, Campobasso 37, Taranto 36, Messina 32, Potenza 30, Paganese 30, Fidelis Andria 25, Vibonese 19.

Default image
Nicola Cirigliano
Articles: 93