È finita la pacchia e…comincia la pizzica?

di asterisco

Dopo i sapori e le delizie musicali della penisola salentina, in un batter d’ali ci si ritrova in terra alemanna, dove essendo bandita la pacchia si deve guardare la realtà e affiorano i problemi a cui non ci si può sottrarre nascondendosi dietro sotterfugi social-mediatici. In teoria dovrebbe emergere l’arte della politica nel suo significato ottimale, fatta di coerenza pragmatica, diplomazia e visione prospettica senza illudersi e illudere.

In generale non c’è da essere ottimisti, a ben guardare la caratura politica dei partecipanti, se da una parte cercare la pace attraverso la guerra è pura schizofrenia, sbandierare un cosiddetto piano Mattei la cui fattibilità è difficile da contestualizzare rimane solo come slogan pubblicitario. Importante è l’assetto politico che avrà il consiglio europeo e le relative commissioni. Se sarà una semplice ripartizione del potere economico e finanziario tra le varie nazioni, come sempre è avvenuto, all’Italia non rimarrà che iniziare a ballare sul serio, e speriamo che il frenetico ritmo della taranta potrà esserle d’aiuto. Fiato alle trombe, comincino le danze, e che Dio ce la mandi buona…la capa o le cape ballerine!                                  

radionoff
radionoff
Articoli: 9825