Big pharma… fidarsi oppure no? A pensare male “s’azzecca”

di Lance D Johnson

Da agosto 2013 a dicembre 2018, l’industria farmaceutica ha pagato più di 12 miliardi di dollari (in pagamenti distribuiti) a 1.036.163 medici, 1.249 ospedali universitari e 2.191 aziende. L’attuale modello di “medicina” incoraggia la corruzione, le tangenti e il controllo istituzionale su scienziati, media e operatori sanitari. Questo sistema dominato dalle grandi aziende farmaceutiche è anche legalmente autorizzato a commercializzare direttamente ai consumatori, consentendo il lavaggio del cervello perpetuo della popolazione generale e dei professionisti medici. Peggio ancora, Big Pharma è strutturata per generare alti rendimenti per i propri azionisti; il sistema non ha alcun incentivo a promuovere una salute migliore per una popolazione. Questo incentivo ad alto rendimento fa emergere i comportamenti più spaventosi e le decisioni aziendali più antiumane. Big Pharma è riuscita a convincere intere popolazioni che non esiste un’immunità naturale, né altre soluzioni contro le infezioni oltre ai suoi prodotti per la salute.Ad esempio, durante l’epidemia di covid-19, alcuni medici hanno avuto il coraggio di utilizzare antivirali sicuri ed economici come l’ idrossiclorochina, lo zinco , l’ivermectina, glutatione, vitamina D e C. Ma invece di promuovere trattamenti antivirali sicuri e facili da usare, l’establishment di Big Pharma ha combattuto per sopprimere trattamenti e altri approcci per aiutare le persone a costruire una risposta immunitaria sana. Niente di nuovo sotto il sole, per chi sa come funziona questo monopolio. Nel corso dei decenni, la nutrizione tradizionale e la fitoterapia sono state sistematicamente ritirate dalla medicina occidentale. Questa rimozione di informazioni vitali e soluzioni di immunità naturale alla fine apre la strada all’autorizzazione all’uso di emergenza degli investimenti in vaccini “troppo grandi per fallire”. Poiché queste aziende combattono per il dominio, la loro influenza sulle agenzie di regolamentazione, sui media e sulla “scienza” porta ad attività commerciali non etiche ed è per questo che nessuna azienda farmaceutica può essere degna di fiducia. L’avidità delle grandi aziende farmaceutiche rende i sistemi medici vulnerabili, specialmente durante un’epidemia. Solo nel 2020: ​​Pfizer, GlaxoSmithKline, Johnson & Johnson, Sanofi, Gilead e AstraZeneca hanno generato un flusso di entrate combinato di 266 miliardi di dollari. Anche se l’industria pullula di denaro, il governo federale degli Stati Uniti ha consegnato ai monopoli di Big Pharma almeno 18 miliardi di dollari in fondi pubblici per sviluppare vaccini contro il covid-19. Questo travaso di ricchezza dal popolo americano viene effettuato senza un solo voto da parte del popolo stesso. Il Congresso non rappresenta la Volontà del Popolo; anche loro sono redenti da questa mostruosità di Big Pharma. Negli ultimi dieci anni, GlaxoSmithKline (GSK) è stata multata di 3 miliardi di dollari per aver pagato tangenti a medici americani. In Gran Bretagna, GSK è stata multata per corruzione di produttori di farmaci generici. GSK ha pubblicato un articolo su una rivista medica che ha ingannato i genitori sulla sicurezza di un antidepressivo per i loro figli. Per guadagnare altri 100 miliardi di dollari, GSK ha aumentato il prezzo di un inalatore per l’asma del 18% nel mercato statunitense. Man mano che gli azionisti incassano, ferire le persone diventa più probabile che sia una pratica commerciale. Pfizer ha aumentato il prezzo di un farmaco antiepilettico di cui avevano bisogno 48.000 pazienti britannici. In un anno, i servizi sanitari nazionali hanno dovuto pagare più di venticinque volte il prezzo originale di questo farmaco solo per mantenere in vita questi pazienti. Nel complesso, i grossisti e le farmacie del Regno Unito hanno dovuto affrontare aumenti dei prezzi del 2.300%, che hanno aiutato Pfizer a generare profitti per 16 miliardi di dollari solo lo scorso anno. In una sperimentazione farmacologica in Nigeria, Pfizer ha approfittato di un’epidemia, ha mentito sul suo trattamento sperimentale per la meningite e ha sottoposto i bambini a farmaci sperimentali non sicuri, senza fornire un adeguato consenso informato ai genitori. Alla fine Pfizer ha dovuto pagare alle famiglie colpite 75 milioni di dollari, centesimi rispetto all’importo salvato dal governo federale nel 2020. Johnson & Johnson (J&J) è attualmente l’azienda farmaceutica di maggior successo al mondo, con un fatturato di 82 miliardi di dollari nell’ultimo anno. Questo successo si basa anche su aumenti immorali dei prezzi, tra cui un aumento senza precedenti del 19% dei prezzi dei farmaci per la leucemia e il cancro alla prostata e un aumento del 16% dei prezzi dei farmaci per l’HIV. AstraZeneca sta costruendo il suo impero tagliando i farmaci generici che potrebbero fornire opzioni più convenienti per i pazienti. La Corte di giustizia europea ha recentemente sostenuto la Commissione europea e ha stabilito che AstraZeneca ha abusato della sua posizione di mercato per bloccare i farmaci generici. AstraZeneca ha manipolato i mercati ritirando la sua autorizzazione all’immissione in commercio per Losec, mentre introduceva una versione di seconda generazione del farmaco. Questa tattica ha sospeso gli studi clinici abbastanza a lungo da impedire alle aziende farmaceutiche di farmaci generici di portare sul mercato un’alternativa più economica. Il sistema di avidità, censura e controllo di Big Pharma rende i sistemi medici vulnerabili e mette a rischio la vita delle persone, specialmente durante un’epidemia.

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi