«Una riforma che umilia Matera»