Recovery Plan. Summa (Cgil): «Occasione storica per Basilicata e Mezzogiorno che non possiamo lasciarci scappare. Servono investimenti in infrastrutture, sanità, welfare, transizione energetica e istruzione»

“Il Recovery Plan è un’occasione per la Basilicata e per tutto il Paese che non possiamo sprecare. Per il Mezzogiorno è l’occasione storica per ridurre il gap con il resto dell’Italia, avendo i suoi punti di criticità specialmente nel Pil e nella disoccupazione, soprattutto quella giovanile”. È quanto dichiara il segretario generale della Cgil Basilicata, Angelo Summa, rilasciando un’intervista per la nuova rubrica social a cura della Cgil regionale, Spazio al lavoro, che prende il via oggi sulla pagina Facebook e sul canale YouTube dell’organizzazione: vertenze, notizie e proposte dal mondo del lavoro. La necessità di fare il punto sui progetti indispensabili per la Basilicata grazie alle ingenti risorse derivanti dal Next Generation EU segue gli ultimi scenari nazionali e regionali, che destano nel sindacato non poca preoccupazione. “Il ruolo del lavoro e della sua qualità sono temi fondamentali che dovrebbero essere al centro dell’agenda politica del governo regionale – afferma Summa – non possiamo sprecare questa grande occasione, serve responsabilità e non autoreferenzialità per dare risposte ai tanti bisogni sociali e sopratutto dare un futuro di sviluppo al nostro territorio.  Per la Basilicata  – continua Summa – il Recovery Plan diventa l’occasione soprattutto per ridurre il gap infrastrutturale, che rilega la Basilicata in una posizione di marginalità. Abbiamo bisogno di potenziare molto la tratta ferroviaria Potenza-Foggia e la necessità di rafforzare l’alta velocità con Salerno,  una delle direttrici fondamentali per connettere la Basilicata con il Tirreno e con il resto del Paese. Abbiamo bisogno di completare la Matera-Ferrandina e tutte quelle opere infrastrutturali che facciano uscire la Basilicata dall’isolamento. Ma soprattutto per la Basilicata – aggiunge Summa – il Recovery Plan deve rappresentare l’uscita dalla dipendenza dal petrolio e la transizione energetica: l’economia green, l’idrogeno e l’elettrico sono le energie del futuro e se la Basilicata non vuole essere legata al passato, dobbiamo tracciare oggi le basi del domani. Ecco perché il Recovery Plan dovrebbe rappresentare quella condizione primaria per cui La Basilicata si candidi a questa transizione energetica. C’è poi la grande sfida della digitalizzazione per far crescere anche la dimensione delle nostre imprese lucane – sottolinea il segretario della Cgil – altro tema delicato che non consente al nostro territorio di potersi sviluppare. Le nostre imprese – afferma – dovrebbero internazionalizzarsi di più nei mercati europei e mondiali e molte delle risorse dovrebbero essere rivolte a questo”.

Torna su