#Libri. “L’estate più bella del mondo” di Gabriella Lauria

In una narrazione intrisa di nostalgia e delicatezza Gabriella Lauria (nella foto) ci presenta il racconto “L’estate più bella del mondo”, un’opera che, pur nella sua apparente semplicità, risplende come un diamante grezzo tra i libri della letteratura contemporanea per ragazzi. Il racconto di Lauria, attraverso le sue pagine, si snoda come una melodia dolce e malinconica, capace di evocare ricordi d’infanzia e momenti di pura gioia.

L’inizio testo ci introduce a Nico, un giovane fanciullo che celebra la fine dell’anno scolastico con un entusiasmo palpabile, pronto a gettarsi nell’avventura delle vacanze estive. Il suo spirito è ricolmo di progetti ambiziosi: Atene, Parigi, New York, mete che rappresentano un viaggio non solo geografico ma anche simbolico verso la maturità e la scoperta di sé.

Tuttavia il destino ha in serbo per Nico un’estate ben diversa da quella che aveva immaginato. L’incontro con Antonio, Giulia e Michele, nuovi amici che il fato pone sul suo cammino, si rivela un catalizzatore di un’esperienza di crescita e di amicizia profonda. Gabriella Lauria tratteggia con maestria l’evolversi di questi legami che emergono con naturalezza e spontaneità, arricchiti dalla presenza del simpatico cagnolino Benny, quasi un nume tutelare delle loro avventure.

Le descrizioni dei luoghi e delle emozioni sono vivide e precise, quasi pittoriche. Lauria utilizza un linguaggio evocativo e ricercato, capace di trasportare il lettore nel mondo di Nico, facendogli rivivere quelle sensazioni di meraviglia e di scoperta tipiche dell’infanzia. L’autrice non si limita a narrare ma dipinge con le parole, creando un affresco che cattura l’essenza di un’estate indimenticabile.

L’estate di Nico diventa così una metafora della vita stessa: i piani prestabiliti lasciano spazio agli incontri fortuiti e ciò che inizialmente appare come un imprevisto si trasforma in un’opportunità di crescita e di arricchimento personale. La Lauria riesce a rendere questo concetto con una delicatezza rara, senza mai cadere nel banale o nel didascalico.

I personaggi sono ben delineati e tridimensionali, ognuno con la propria personalità distintiva. Nico, con la sua curiosità e il suo entusiasmo, rappresenta l’archetipo del giovane avventuriero. Antonio, Giulia e Michele sono figure complementari che arricchiscono il microcosmo del protagonista con le loro peculiarità e le loro storie personali.

“L’estate più bella del mondo” è un inno alla giovinezza, all’amicizia e alla capacità di trovare la bellezza nelle piccole cose. Gabriella Lauria ci regala un’opera che nasconde una profondità emotiva e una raffinatezza stilistica degne di nota. Un racconto che, una volta terminato, lascia nel cuore del lettore una dolce nostalgia e il desiderio di rivivere, anche solo per un attimo, l’incanto di quell’estate perfetta.

Lauria dimostra con questo testo una sensibilità straordinaria nel catturare i sentimenti e le emozioni dei giovani lettori, offrendo al contempo agli adulti uno spunto per riscoprire la magia e l’innocenza della fanciullezza.

Gianfranco Lotito
Gianfranco Lotito
Articoli: 141