Il Manchester City alza la sua prima Champions League

Il Manchester City ha finalmente trovato il suo oro. Ha alzato la sua prima Champions League, il grande sogno dei proprietari arabi da quando hanno acquisito il club nel 2008 e hanno realizzato una magica tripletta battendo un’Inter lodevole che ha dato più guerra di quanto tutti si aspettassero ( 1-0 ). Finale dal doppio accento spagnolo, di Guardiola , che ha aggiunto il suo terzo ‘Orejona’, e di Rodri , autore del gol che ha messo fine alla ricerca straziante dell’inglese.

Molto più bloccato del previsto è stato il primo tempo. Nervi e dubbi hanno presto preso il sopravvento sul Manchester City , che non si è più ritrovato in due giocate isolate in cui Bernardo Silva ed Erling Haaland hanno avuto l’occasione di segnare. Alcuni suoi compagni sono stati un ‘flan’ contro un’Inter uscita con le idee molto chiare. Simone Inzaghi ha dimostrato di aver studiato molto bene Pep Guardiola e di aver messo pressione con Dzeko e Lautaro che hanno fatto un ottimo lavoro tagliando le corsie di sorpasso e costringendo il City a giocare sugli esterni per cadere nella trappola.

Il City ha visto la luce in attacco grazie al giocatore meno atteso. Akanji, in aggiunta con l’Inter inchiodata dietro, ha filtrato un passaggio prezioso che ha spezzato la difesa a Bernardo Silva, che dopo aver visto come il suo cross lo ha deviato Acerbi ha assistito direttamente a come Rodrigo ha impalato il pallone vagante e l’ha messo dritto in fondo alla rete (68′). Onana, coperto, non si è nemmeno tuffato quando non ha visto la palla.

radionoff
radionoff
Articoli: 9769