Il Cestrim contesta la sentenza su Mimmo Lucano

“Se c’è una giustizia che nel nome di chissà quali leggi arriva a criminalizzare la sacralità dell’accoglienza, come è accaduto nel caso della condanna di Mimmo Lucano, allora per noi cade il principio sacro secondo il quale le sentenze non si giudicano”. È quanto evidenzia don Marcello Cozzi, Presidente Ce.St.Ri.M. Onlus e Fondazione Nazionale Interesse Uomo Onlus che aggiunge: “E allora noi non solo giudichiamo la sentenza con la quale l’ex Sindaco di Riace è stato condannato a 13 anni di reclusione ma la contestiamo duramente e la stigmatizziamo fermamente e ancora una volta ribadiamo il principio che seppure ci sono leggi nel nome delle quali l’accoglienza non deve essere esercitata, la fedeltà all’umanità ci impone l’obbligo di disobbedire a queste leggi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi