I modi dei sistemi totalitari. Privano gli esseri umani del diritto alla libertà

Sono i sistemi politici a determinare gli eventuali squilibri economici di un Paese. Compito della politica è quello di orientare l’economia in modo che lo sviluppo del Paese sia in funzione di ogni singolo individuo, per il soddisfacimento dei suoi diritti e dei suoi valori. Solo I sistemi politici democratici offrono tutte quelle  garanzie necessarie per lo sviluppo dell’individuo. Quando il popolo può liberamente esprimere il proprio pensiero la politica ha l’obbligo di far si che i beni prodotti siano quelli richiesti e che vengano equamente distribuiti affinché quel bene divenga “il bene comune”. Purtroppo, nei sistemi autoritari e totalitari l’economia e lo sviluppo sono decisi dalle autorità, dalla burocratizzazione e la centralizzazione, che mai si aprirà all’iniziativa privata perché spengono nei lavoratori e sul nascere ogni spirito d’iniziativa, tendente alla causa comune, al benessere comune, applicando l’antico principio del “Dividit et Impera” in modo che se pur qualcuno dovesse riuscirci verrebbe subito reclutato dal potere e allontanato dal popolo. Ma ancora più grave, nei sistemi autoritari, è che buona parte delle risorse del Paese, viene impiegata per gli armamenti, per mantenere l’apparato militare, per la “salvaguardia del Paese”. I sistemi totalitari sono contestati da tutte le democrazie perché privano gli esseri umani dell’esercizio dei loro fondamentali diritti di libertà. Là dove i cittadini non godono dei diritti politici, sindacali, religiosi e soprattutto del libero arbitrio, sono soggetti a sottostare alla volontà dell’arbitrio del despota, del partito, di questa o quella fazione militare e comunque del bieco profitto. Nessun sistema di governo che impedisca al popolo di esercitare la sua sovranità e ai cittadini loro diritti fondamentali riconosciuti nelle carte internazionali dell’ONU può essere accettato dalla coscienza civile e umana anche quando considerato importante per la salvaguardia degli interessi di confini, questi sistemi, il più delle volte, si camuffano come di transizione coi i vecchi sistemi mostrando alla fine che se non sono peggiori quantomeno sono i meno educati che non porgono nemmeno una sedia all’ospite da loro stessi invitato.

Torna su