Giugno 1647: Potenza si ribella alle gabelle

Le Edizioni Laurita, soprattutto su richiesta di molti internauti, hanno proposto il libro di Paolo Laurita. “Le donne uccidono a morsi un ‘percettore’ e gli uomini sono costretti a darsi alla macchia”.

Il libro inaugura la collana tcl (tasselli di cultura locale) che nasce per soddisfare l’esigenza di conoscere in modo breve e  “semplice”, un po’ di storia locale anche attraverso le sue più intime pieghe. In questo libro, infatti sono citati fatti che probabilmente hanno influenzato la storia che la stessa Storia non ha riconosciuto o semplicemente dimenticato. Lo scopo principale della collana e di questo libro è infatti quello di incuriosire e incentivare alla ricerca chi è proteso a una più attenta conoscenza, dando degli spunti che l’attento lettore potrà utilizzare nel migliore dei modi. In particolare, questa modestissima pubblicazione, cita la rivoluzione di Masaniello a Napoli e per lo stesso motivo la rivoluzione che esplode in tutta la Lucania, contro l’ennesima gabella (tassa). Evidenzia la determinazione delle donne lucane e in particolare di quella delle potentine che esasperate uccidono a morsi un percettore (esattore delle tasse) e dell’eroismo di uomini che difendono le loro donne riunendosi in bande che poi difenderanno tutto il territorio lucano. Il libro, di facile lettura, presenta anche momenti comici del quotidiano di quei tempi che potrebbero esserlo di qualsiasi altro tempo.

Torna su