Discutere…disquisire…o semplice emissione di suoni?

di asterisco

Le possibilità che l’informazione mediatica sia in grado di fornire sono molteplici e diversificate, purché si abbia un atteggiamento che potremmo definire di curiosità critica. Le numerose testate giornalistiche di storica importanza, oramai tutte in rete, ne danno un esempio canonico. In modo analogo i vari talk show televisivi sono sempre affollati da scrittori che pubblicizzano il loro recente libro, con l’intento di procacciarsi un consistente pubblico di lettori. Si legge e si parla di tutto, cronaca e politica vengono fuse a dismisura, quel che conta è suscitare l’interesse mediatico e televisivo di chi ascolti o legga.

Fa sorridere l’uso del termine astoriologo, coniato dallo storico Emilio Gentile nelle sue ricerche storiche sul fascismo, adoperato da qualche sprovveduto giornalista che se ne serve, addirittura come criterio storiografico, per dare dei giudizi di merito su di un libro scritto da un suo collega, ma non si capisce dove voglia andare a parare e purtroppo si ha l’impressione che segua il celebre ritornello: i comunisti mangiano i bambini!

La dialettica storica tra i tanti …ismi non porta da nessuna parte. È notoria l’importanza delle fonti documentali nella ricerca storica, anche le corrispondenze epistolari siano esse pubbliche o private, opportunamente vagliate dallo studioso serio hanno la loro importanza. Si potrà forse legittimamente discutere nella loro interpretazione, ma è tutt’altra cosa farle ricadere in un puro e semplice gossip, come qualche incauto bastian contrario tenti di fare, pure lui, ma da astoriologo patentato!    

radionoff
radionoff
Articoli: 9798