Che cos’è il marketing?

Tutti noi quotidianamente compiamo delle azioni “banali” come ad esempio: fermarci davanti alla vetrina di un negozio di abbigliamento od entrare in un bar e comprare un sacchetto di patatine. Una volta rientrati a casa, sedendoci in poltrona a mangiare le suddette patatine, riceviamo una chiamata sul cellulare da un operatore telefonico che cerca di convincerci a cambiare gestore. Più tardi, in televisione, vediamo spot pubblicitari su una marca di scarpe, su un profumo o su un’automobile. Tutte queste azioni hanno a che fare con il marketing. Ognuno di noi conosce qualcosa di marketing  giacché fa parte della nostra vita da quando abbiamo avuto la cognizione di che cosa è un prodotto, o ci è stato possibile acquistarlo con i nostri primi risparmi. L’American Marketing Association ha definito il marketing come: “il processo di pianificazione ed esecuzione delle attività d’ideazione, determinazione del prezzo, promozione e distribuzione di idee, beni e servizi, al fine di creare uno scambio che soddisfi, nel contempo, gli obiettivi degli individui e delle organizzazioni’’. Questa definizione prende in considerazione tutti i soggetti che intervengono nel processo di marketing: i membri delle organizzazioni produttive, i rivenditori di beni e servizi ed i consumatori/clienti finali. Un’organizzazione, dunque, dovrebbe cercare di realizzare un profitto soddisfacendo i bisogni dei clienti; è questa l’idea basilare del marketing, la sua filosofia. Un concetto apparentemente semplice ed in gran parte ispirato al buon senso, tanto che, forse proprio per questo motivo, spesso non è tenuto nella giusta considerazione o addirittura male interpretato o dimenticato. Il Marketing concept è, appunto, il favorire il raggiungimento degli obiettivi aziendali attraverso il corretto soddisfacimento dei bisogni dei clienti. Il marketing spinge l’impresa su tre tipi di orientamento:

  • al cliente (soddisfare i bisogni della clientela);
  • al prodotto (la vendita dei prodotti);
  • alle vendite (i metodi per indurre la clientela ad acquistare i prodotti offerti in quel momento).

Risulta molto importante per le aziende fidelizzare il cliente, instaurando con esso una relazione duratura, secondo un processo in cui la vendita iniziale è da considerarsi solo come un primo passo e non come il risultato finale del rapporto commerciale. Seguendo questo principio, il cliente sarà più soddisfatto e l’azienda, nel tempo, potrà conseguire maggiori profitti. Il marketing non è ovviamente una “scienza esatta”, quindi ogni azienda o imprenditore può attuare la strategia di marketing che ritiene più opportuna per avere successo. Infatti, come afferma il noto economista statunitense Philip Kotler: “La migliore pubblicità è quella che fanno i clienti soddisfatti”.

Torna su