Bruno Lorenzo eletto nuovo segretario generale Fisac Cgil Basilicata

Si è svolta oggi a Potenza, alla presenza del segretario generale Cgil Basilicata Angelo Summa e del segretario generale Fisac Cgil nazionale Nino Baseotto, l’assemblea della Fisac Cgil di Basilicata che ha eletto all’unanimità Bruno Lorenzo nuovo segretario generale Fisac Cgil Basilicata. Presente anche il segretario generale uscente Fisac Cgil Basilicata, Vincenzo Atella, a cui vanno i ringraziamenti dell’intera organizzazione sindacale. Lorenzo, 50 anni, è già segretario organizzativo Fisac Cgil Basilicata e componente della segreteria nazionale di Bper banca. “La Fisac si propone di lavorare in un’ottica di continuità rispetto al lavoro svolto dal segretario generale precedente, con grande attenzione ai territori e alle Rsa – afferma Bruno Lorenzo –. Abbiamo in programma diverse  iniziative pubbliche al fine di sensibilizzare la parte politica, piuttosto assente in Basilicata anche quando sono state dichiarate chiuse delle filiali. È il caso in particolare di Potenza, dove diversi istituti di credito sono stati chiusi nel centro storico, non lanciando un buon segnale ai cittadini.  Chiudere un presidio bancario – continua Lorenzo – significa rafforzare l’accesso al credito alternativo e l’usura. Se le banche sono sempre meno, non concedendo crediti al cittadino, è probabile che quest’ultimo sia invogliato a rivolgersi a presidi di non legalità, favorendo così strani accessi al credito”. Nell’esprimere soddisfazione per il lavoro fin qui svolto dalla Fisac Cgil di Basilicata, Lorenzo ha poi sottolineato come il sindacato sia molto cresciuto negli ultimi dieci anni, mantenendo un’alta percentuale di iscrizioni, intorno al 30%, nonostante una riduzione del  numero di addetti da 1.550 a 1.100. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi