Basilicata e petrolio. «Migliorare l’accordo»

di Piero Lacorazza

Ancora una volta il coraggio vince, per i lucani. (Basta rileggere le cose scritte in questi giorni, inviate a tutte e tutti in più occasioni…). In questi giorni come avrete letto ho tenuto botta, ancora una volta nel merito e controcorrente… Nel silenzio generale, la Giunta di Basilicata ipotecava il futuro del nostro territorio senza costruire un accordo capace di rispondere alle sfide della innovazione e della sostenibilità, del lavoro di oggi e di domani. Ho sollecito in privato in tante e in tanti. Ma nulla. E poi nel silenzio perdurante e quasi totale non ho mollato a difesa dei lucani.E prima o poi le cose accadono:- l’interesse dei parlamentari lucani (ovviamente PD, M5S e LeU) che spero si concretizzerà in atti ed iniziative istituzionali – la conferenza stampa dei consiglieri regionali del Pd, anche se tardiva, ma in ogni caso in buona parte in linea con le cose che scrivo da giorni.Anche il PD è in movimento dal territorio della Val d’Agri a suoi dirigenti. L’accordo con ENI si può e si deve migliorare. Non aggiungo altro, se non la soddisfazione ancora una volta per non aver mollato e per aver ridato al tema la centralità indispensabile nel dibattito politico ed istituzionale.

Torna su