Basilicata. Categorie fragili, Perrino: «Più chiarezza su campagna vaccinale»

Per il consigliere regionale del M5s “Bardi, nonostante la truppa di fedelissimi importati dalla Campania, non riesce a produrre una comunicazione semplice ed efficace”.

“E’ passata l’ennesima settimana di pandemia, ma spiace constatare che Bardi e il suo codazzo di tecnici e alleati continuano a commettere i soliti errori comunicativi”. A sostenerlo il consigliere regionale del Movimento cinque stelle, Giovanni Perrino, per il quale “cullarsi col badge del primo posto nella classifica delle vaccinazioni non serve a nulla se, ad oggi, decine di anziani e persone appartenenti alle categorie cosiddette ‘fragili’ non hanno avuto alcuna indicazione su dove e quando riceveranno la somministrazione del vaccino e su come si procederà”. “Bardi, nonostante la truppa di fedelissimi importati dalla Campania – sostiene Perrino – non riesce a produrre una comunicazione semplice ed efficace. Le strisce al Tgr del direttore generale Esposito non aiutano i cittadini a chiarire, col risultato di mandarli ancora più in confusione. La foga dell’annuncio a tutti i costi ha portato Bardi a strombazzare l’avvio della piattaforma di Poste salvo poi precisare che si tratta di una piattaforma utilizzata per monitorare tutte le persone vaccinate. Queste leggerezze comunicative – sottolinea il consigliere del M5s – hanno spinto numerosi cittadini a cercare di prenotare l’inoculazione tramite i portali di Poste che, ad oggi, non risultano essere ancora attivi per questo scopo”. “Ci sono giunte –riferisce Perrino – numerose richieste di informazioni da anziani e persone appartenenti alle categorie protette che sono in completa balìa del caos comunicativo di questi giorni. Chiediamo a Bardi ed al suo entourage – aggiunge – di essere più chiari e di evitare annunci senza senso. La popolazione della nostra regione è composta perlopiù da persone anziane che prediligono semplicità nella comunicazione. Meno propaganda – conclude Perrino – su volubili classifiche e più chiarezza comunicativa nei confronti della popolazione”. 

Torna su