“Aborto farmacologico: una conquista da difendere” (Video)

Oggi discutiamo con Cinzia Visciano dell’Uaar (Unione atei, agnostici e razionalisti) e responsabile dei circoli nazionali, di tutti i presìdi territoriali italiani dell’associazione, dell’aborto farmacologico grazie alla pillola RU486. «I circoli sono tanti e voglio ringraziare tutti i soci e le socie che si stanno “spendendo” per questa campagna». Cinzia Visciano fa parte dell’Uaar da circa dieci anni, cresciuta in una famiglia cattolica, ma che una volta raggiunta l’eta più adulta ha maturato una sua personale convinzione che l’ha portata a far parte dell’Uaar e quindi a impegnarsi per la laicità dello Stato. L’Uarr è un’associazione di promozione sociale che rappresenta le ragioni degli atei, degli agnostici e dei razionalisti. In altre parole dei non credenti che ammontano a circa il 15 per cento della popolazione. Un dato fornito, a seguito di un’indagine svolta in Italia, da un istituto terzo e riconosciuto per le tante rilevazioni condotte su vari temi in Italia. Il dato e l’istituito che ha condotto lo studio è consultabile sul sito www.uaar.it dove sono presenti altre informazioni e attività che l’associazione conduce. Ora sentiamo lo scambio di riflessioni tra Cinzia Visciano e il direttore di Radionoff, Luigi Pistone.

Torna su