Velocizzare il PC con l’hard disk SSD

I dischi a stato solido, o SSD (in inglese Solid-state drive), rappresentano l’evoluzione degli hard disk tradizionali. Mentre questi ultimi hanno delle parti meccaniche in movimento (un disco magnetico, una testina per la lettura/scrittura, un motorino di avviamento, ecc.), gli SSD utilizzano delle celle di memoria FLASH del tutto simili a quelle delle penne USB. Ciò comporta tutta una serie di vantaggi:
Il tempo di accesso ai dati è nettamente più rapido, circa 50 volte rispetto ai dischi tradizionali
• Maggiore resistenza agli urti non avendo parti in movimento
• Silenziosità
• Dimensioni compatte, le stesse degli hard disk contenuti nei notebook
• Minori possibilità di rottura

Gli SSD utilizzano la stessa interfaccia SATA degli hard disk tradizionali, per cui si possono installare al posto o in aggiunta degli stessi senza alcuna modifica (i dischi SATA sono ormai lo standard da una decina di anni a questa parte).
Da notare che gli SSD non necessitano di deframmentazione, poiché il tempo di accesso ad ogni cella è lo stesso ed i dati vengono distribuiti su tutto il disco per distribuire l’usura in maniera uniforme.
Per quanto riguarda i costi, come era prevedibile una maggior diffusione comporta prezzi sempre più convenienti. Attualmente un SSD da 250GB costa all’incirca 40 €, uno da 500 GB mediamente 70 €.

Per ottenere maggiori benefici è necessario installare sull’SSD sistema operativo e programmi. Se la vostra preoccupazione è dover installare tutto daccapo niente paura: esistono procedimenti che consentono di CLONARE il “vecchio” hard disk nel nuovo, così che avrete tutto esattamente come prima.

IN CONCLUSIONE: molto più veloci, resistenti, silenziosi, possono cambiare in maniera netta le prestazioni del vostro computer. Non vi pentirete dell’acquisto.

(fonte: https://tekneinformatica.wordpress.com/2015/05/12/gli-hard-disk-ssd )

Torna su