USA. Biden: «Putin è un killer e pagherà le interferenze nelle elezioni»

Tuttavia il presidente americano afferma che con il leader del Cremlino è possibile “lavorare insieme” laddove ci sono “interessi comuni”. Replica da Mosca: “Sono attacchi alla Russia”.

Il presidente americano, Joe Biden, ha affermato in un’intervista all’Abc di ritenere che il presidente russo sia un “killer” e ha assicurato che il leader del Cremlino “pagherà” per aver interferito nelle elezioni americane del 2020. L’intelligence americana martedì ha diffuso un rapporto secondo il quale Putin ha autorizzato operazioni volte a denigrare la candidatura di Biden e a sostenere quella di Donald Trump, minando la fiducia dell’opinione pubblica nel processo elettorale e seminando divisioni. Il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, ha respinto le accuse, definendole “completamente infondate”.  Nonostante la convinzione che Putin sia un assassino, il capo della Casa Bianca -riferisce Axios, dando conto dell’intervista- ha sostenuto che è possibile “lavorare insieme” laddove ci sono “interessi comuni”; un esempio è l’estensione dell’accordo per il controllo delle armi nucleari New Start. Le parole del presidente Usa sono “un attacco ai russi” e una reazione “isterica dovuta all’impotenza” degli Stati Uniti, ha scritto sul suo canale Telegram il presidente dalla Duma di Stato, la Camera bassa del Parlamento russo, Vyacheslav Volodin. “Biden ha insultato i cittadini del nostro Paese con la sua dichiarazione. Si tratta di isteria dovuta all’impotenza”, si legge nel post, “Putin è il nostro presidente, gli attacchi contro di lui sono attacchi alla Russia”. “Biden senza ombra di dubbio definisice Putin un assassino, perché lo è davvero”, ha commentato il Fondo anti-corruzione (Fbk) dell’oppositore russo Aleksei Navalny, su Twitter. “Per qualcuno può essere difficile accettarlo, ma il presidente della Russia è un assassino”, continua il post sul profilo Twitter di Fbk. “A chiunque dubiti di questo, mostrate il nostro video su come Putin ha cercato di uccidere Aleksei Navalny“, conclude Fbk che ha condotto un’inchiesta che punta il dito contro il leader russo come mandante dell’avvelenamento dell’oppositore. 

Torna su