Una tragedia colpisce Firenze: crollo cantiere, morti e feriti

Una tragedia ha scosso Firenze con il crollo di un cantiere per la costruzione di un supermercato Esselunga nell’area dell’ex Panificio militare. Tre operai sono stati confermati morti, uno dei quali identificato in serata, mentre due sono ancora dispersi. Tre feriti sono stati ricoverati, due in condizioni gravi ma stabili. Il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, ha espresso il timore che il bilancio delle vittime possa aggravarsi, con le speranze di trovare sopravvissuti ridotte al lumicino.

Il crollo, avvenuto prima delle 9 del mattino, ha coinvolto una squadra di otto operai, causando un boato e una nuvola di polvere. Numerose squadre di vigili del fuoco sono impegnate nelle operazioni di ricerca, anche con l’ausilio di cani, droni, escavatori e gru. Le ricerche continueranno per tutta la notte.

Tra le vittime si annovera Luigi Coclite, un 60enne originario di Teramo. Le condizioni dei tre feriti, tutti di nazionalità rumena, sono monitorate attentamente.

Il cordoglio è stato espresso dalle massime istituzioni, con il presidente Mattarella che ha contattato il sindaco Nardella e la premier Meloni. Anche la presidente di Esselunga ha espresso profondo cordoglio e annunciato la chiusura dei negozi Esselunga a Firenze come segno di lutto.

La procura di Firenze ha aperto un’indagine per crollo colposo e omicidio colposo, mentre il cantiere è stato posto sotto sequestro. Il sopralluogo dei tecnici e la raccolta delle testimonianze sono in corso.

Il cantiere coinvolge diverse aziende in subappalto, e il complesso dell’ex Panificio militare era stato dismesso dagli anni ’70. I sindacati hanno proclamato uno sciopero regionale e nazionale, mentre ci sono stati momenti di tensione tra sindacalisti e manifestanti.

Il leader della Cgil, Maurizio Landini, ha sottolineato la necessità di una reazione immediata per prevenire futuri incidenti sul lavoro, richiamando l’attenzione sulle criticità del sistema di subappalto e degli appalti al massimo ribasso.

radionoff
radionoff
Articoli: 9753