Trump dovrà pagare più di 350 mln di dollari per frode civile

Un giudice ha ordinato all’ex presidente Donald Trump di pagare più di 350 milioni di dollari di penalità, più gli interessi, a seguito di un processo per frode civile, scoprendo che lui e altri hanno portato avanti per anni uno schema che prevedeva l’utilizzo di “dati finanziari palesemente falsi” per ottenere prestiti a tassi più bassi. Il giudice della Corte Suprema di New York, Arthur Engoron, ha emesso un diluvio di punizioni, tra cui il divieto per anni a Trump e ai suoi figli adulti di assumere incarichi di primo piano in aziende dello Stato, e lo ha fatto con un linguaggio pungente, accusando gli imputati di essere ostinatamente restii ad ammettere le proprie colpe o a riconoscere la realtà.
“La loro totale mancanza di pentimento e rimorso rasenta il patologico”, ha dichiarato Engoron, che ha ascoltato il caso senza giuria, in una decisione scritta.
La decisione di Engoron è stata una sconfitta bruciante per Trump, e ha segnato l’ultima sconfitta legale e finanziaria che ha subito nell’ultimo anno. In questo arco di tempo, Trump è stato accusato in quattro casi penali, tra cui uno che sarà processato a Manhattan il mese prossimo, e le giurie gli hanno ordinato di pagare quasi 90 milioni di dollari a uno scrittore che lo aveva citato in giudizio per diffamazione. Sta anche combattendo battaglie in tribunale per cercare di rimanere nelle schede elettorali di alcuni Stati alle prossime elezioni presidenziali, mentre cerca di ottenere un altro mandato.

Trump, in una dichiarazione, ha definito la decisione “una completa e totale falsità”, mentre i suoi avvocati si sono impegnati ad appellarsi a quella che hanno definito “una multa draconiana e incostituzionale”. Engoron ha ordinato a Trump di pagare più di 354 milioni di dollari in sanzioni. Il caso è nato da una causa intentata nel 2022 dal procuratore generale di New York Letitia James (D), che ha citato in giudizio Trump, la sua omonima società, alcuni dei suoi figli adulti e alcuni dirigenti dell’azienda, accusandoli di aver partecipato a una vasta frode finanziaria. Trattandosi di un caso civile e non penale, nessuno degli imputati ha rischiato di finire dietro le sbarre. Nella sua causa, la James ha accusato gli imputati di aver falsamente gonfiato i valori dei beni nei documenti finanziari per assicurarsi condizioni migliori da parte di finanziatori e assicuratori. Ha accusato Trump di aver gonfiato di proposito il suo patrimonio netto di ben 2,2 miliardi di dollari all’anno e ha detto che lui e gli altri imputati “si sono impegnati in numerosi atti di frode e di falsa dichiarazione” durante la preparazione dei bilanci annuali di Trump relativi “almeno agli anni dal 2011 al 2021”. James ha elogiato la decisione di Engoron venerdì, affermando che “la frode finanziaria dei colletti bianchi non è un crimine senza vittime”. “Oggi stiamo chiedendo conto a Donald Trump”, ha detto. “Lo riteniamo responsabile per aver mentito, imbrogliato, per la mancanza di pentimento e per essersi fatto beffe delle regole che tutti noi dobbiamo rispettare”.

La decisione di venerdì significa che Trump è stato colpito da oltre 440 milioni di dollari in sanzioni e sentenze combinate a seguito di processi civili svoltisi nei tribunali di New York negli ultimi nove mesi – e il conteggio finale sarà probabilmente molto più alto, poiché la decisione di Engoron gli ha anche ordinato di pagare gli interessi. Secondo l’ufficio di James, gli interessi del caso ammontano a quasi 100 milioni di dollari. Trump ha a lungo negato di aver commesso illeciti nel caso e ha accusato James di essere politicamente motivato, un’affermazione che lui e i suoi avvocati hanno ribadito venerdì. Parlando brevemente dopo la pubblicazione della decisione di Engoron, Trump ha difeso le sue pratiche commerciali e ha ribadito che non c’è stata alcuna frode. “Le banche hanno ricevuto tutti i loro soldi, al cento per cento”, ha detto Trump. “Amano Trump”. Trump ha anche sostenuto, senza prove, di essere stato citato in giudizio solo a causa della sua campagna presidenziale. L’azione legale della James e il processo che l’ha vista protagonista hanno messo in scena un piano sfacciato da parte di Trump e degli altri imputati, in cui i fatti fondamentali sono stati scartati a piacimento. Durante il processo, Kevin Wallace, un avvocato dell’ufficio della James, ha dichiarato che gli imputati hanno usato “bugie consapevoli e intenzionali” nelle loro dichiarazioni finanziarie In un esempio riportato nella causa, l’appartamento triplex della Trump Tower è stato descritto come “di 30.000 piedi quadrati quando invece era di 10.996 piedi quadrati”.

radionoff
radionoff
Articoli: 9753