Trasporti. Mega risponde a Merra: «Stia nel merito delle questioni e spieghi i tagli al Pnrr»

“Dall’assessora alle Infrastrutture della Regione Basilicata, Donatella Merra, ci aspettiamo riposte di merito, non allusioni politiche che nulla hanno a che vedere con la funzione del sindacato che, siamo costretti ancora una volta a ribadire, riguarda la difesa dei diritti e del lavoro. Siamo ormai abituati alla continua delegittimazione dei corpi intermedi da parte di questa destra al governo nazionale  e regionale, ma non ci faremo intimidire. La Cgil è aperta al confronto, purché sia nel merito delle questioni. Lo stesso non sembra possiamo dire dell’assessora, che sempre più spesso sfugge ai tavoli istituzionali”. Così in una nota il segretario generale della Cgil Basilicata, Fernando Mega, rispondendo all’assessora Merra sulle criticità emerse sul trasporto ferroviario.

“La situazione dei trasporti in Basilicata è diventata una emergenza. Gli interventi, anche se necessari – prosegue il dirigente sindacale – vanno programmati, nel rispetto del diritto alla mobilità che deve essere garantito sempre a tutti i cittadini allo stesso modo, da Nord a Sud. Di questo dovrebbe preoccuparsi l’assessora, senza scomodare la storia, per di più male interpretata ,anche questo tipico dell’attuale destra. Merra – aggiunge – venga a spiegare al sindacato e ai cittadini lucani  la serie infinita di bus sostitutivi che viaggiano sulle strade lucane in questi giorni, martoriate da continue ed eterne deviazioni, per di più nel mese topico per il turismo. Ci venga a raccontare dei disagi, dei ritardi, dei continui cambi per raggiungere località raggiungibili velocemente fino a poco tempo fa, delle coincidenze perse. Ci venga anche a spiegare dei tagli al Pnrr sulle risorse destinate alla città di Matera per l’intervento sul piazzale della stazione di Villa Longo e il prolungamento della linea Bari – Matera verso l’ospedale Madonna delle Grazie, pari a 16 milioni di euro, lasciando scientemente la Città dei Sassi, che ancora attende la sua ferrovia, nell’isolamento. Lo venga a spiegare agli operatori turistici di Matera e della costa ionica, che lamentano una riduzione significativa delle presenze anche a causa dei sempre più difficili collegamenti. Una situazione paradossale, laddove per raggiungere Matera da Bari occorrono quasi due ore. Tutto ciò mentre le gara di appalto per il trasporto pubblico locale sono state spostate al 2026 e nulla si sa sull’accordo con Trenitalia, per il quale continueremo a vigilare. Così come attendiamo con ansia l’arrivo dell’autunno per verificare l’effettivo ripristino del Frecciarossa Taranto – Potenza – Milano, la cui sospensione siamo riusciti a smascherare nonostante il maldestro tentativo di buttare fumo negli occhi con una presunta sperimentazione che avrebbe dovuto agevolare il collegamento con Roma: lo chieda ai viaggiatori lucani in quanto tempo stanno raggiungendo la capitale. L’assessora resti nel merito delle questioni e la smetta di fare campagna elettorale sulla pelle dei lucani e delle lucane”. 

radionoff
radionoff
Articoli: 9707