«virus più veloce della politica»