«primo posto per i deboli e i bisognosi»