«la discrezionalità al potere»