«È allarme rosso nel commercio»