Serie C, girone C. Il Catania al “Massimino” bastona il Potenza: 5 a 2. Dichiarazione di Fabio Gallo e gli highlights

Il Potenza nella partita valida per il trentacinquesimo turno del campionato di serie C, girone C, viene sconfitto in maniera netta a Catania, 5-2! Perdere al “Massimino” contro una squadra di categoria come il Catania può capitare, ma ciò che preoccupa maggiormente i tifosi del “leone rampante” sono: la difesa troppo perforata, per la prima volta in questo campionato ha subito 5 reti in un’unica partita (ben 51 sono le reti totali incassate); un certo atteggiamento di “rilassatezza” da parte di alcuni giocatori, i quali nelle ultime due partite (con Juve Stabia e Catania) sono stati meno grintosi del solito. A tre giornate dal termine, due per il Potenza dato che all’ultimo turno riposerà per via dell’esclusione del Trapani dal torneo, la salvezza diretta è lì ad un passo. Ma questo passo i rossoblu lo devono ancora fare per evitare “problemi” dell’ultimo minuto. Quello di domenica prossima con il Monopoli al “Viviani” sarà un vero e proprio “matchball” da non fallire. Il Potenza occupa il quattordicesimo posto in coabitazione con la Turris con 35 punti, 3 in più della Vibonese a 32, più 8 sulla coppia Paganese-Bisceglie a 27. I leoni potentini hanno il destino nelle loro mani, ma devono comunque prestare attenzione ai risultati di queste dirette concorrenti per evitare di essere risucchiati nella “lotteria” dei play-out.

La partita

Il Catania continua ad andare veloce come un treno: al “Massimino” gli elefantini calano un “pokerissimo” contro il Potenza, ottenendo la quarta vittoria consecutiva dall’avvento del nuovo allenatore Francesco Baldini, 5-2 il risultato finale. Dopo appena 3’, i lucani passano in vantagio con l’attaccante francese Baclet, bravo a sorprendere la difesa etnea con un piattone di destro su uno splendido assist in verticale di Mazzeo. Il Catania reagisce e trova il pareggio al 21’ con Di Piazza, abile nel rientrare col mancino saltando l’avversario, per poi scagliare un potente tiro di destro alle spalle del portiere rossoblu Marcone. Poco prima dell’intervallo, arriva il sorpasso catanese con Calapai, forte diagonale sporcato dalla deviazione del potentino Ricci. Nella ripresa i ritmi rimangono alti, infatti  al 56’ Di Piazza porta il Catania sul 3-1 siglando la sua personale doppietta, su un tiro-cross di Calapai, respinto da Marcone, Di Piazza è lesto a spingere in rete il pallone con l’aiuto del palo. Il Potenza non si arrende, tre minuti dopo, al 59’ è Sandri con un gran sinistro al volo ad incrociare su cross di Coppola a far rientrare i lucani in partita. La speranza di rimonta potentina dura però poco, al 68’ Russotto  in semirovesciata , dopo una traversa centrata da Dall’Oglio, porta il Catania sul 4-2, “tagliando” mentalmente le gambe ai rossoblu. In pieno recupero, al 92’, Claiton impegna di testa Marcone, sulla respinta si fionda Zanchi che sempre di testa trafigge l’estremo difensore lucano, segnando la sua prima rete con la maglia rossazzurra e fissando il risultato finale, 5-2 per il Catania.

Il tabellino

Marcatori: 3’ Baclet (Pz), 21’ Di Piazza (Ct), 45’ Calapai (Ct), 56’ Di Piazza (Ct), 59’ Sandri (Pz), 68’ Russotto (Ct), 92’ Zanchi (Ct)

CATANIA (4-3-3):Martinez; Calapai (71’ Albertini), Claiton, Giosa, Pinto, Dall’Oglio, Maldonado(80’ Rosaia), Welbeck, Russotto(80’ Zanchi), Di Piazza (71’ Manneh), Golfo (67’ Reginaldo).
A disposizione: Santurro, Borriello, Sales, Silvestri, Tonucci, Izco, Vrikkis.
Allenatore: Francesco Baldini

POTENZA (4-3-1-2):Marcone; Coppola, Gigli, Conson, Coccia; Zampa (83’ Nigro), Bucolo(78’ Bruzzo), Ricci; Di Livio (58’ Sandri); Baclet(58’ Salvemini), Mazzeo(78’ Volpe).
A disposizione: Santopadre, Brescia, Noce, Panico, Fontana, Romero, Cavaliere.
Allenatore: Fabio Gallo

Arbitro:Luca Angelucci (Foligno)
Assistenti:Costin Del Santo Spataru (Siena) e Andrea Torresan (Bassano del Grappa)
Quarto ufficiale:Adolfo Baratta (Rossano)

Ammoniti: 27′ Di Livio (Pz), 34′ Conson (Pz), 44′ Baclet (Pz), 73′ Welbeck (Ct)
Espulsi: nessuno
Recupero: 2′ pt; 5’st
Note: giornata soleggiata, 18° circa. Partita giocata a porte chiuse a causa della pandemia da Covid. Angoli 7 a 1.

Torna su