Serie A: il punto sul turno infrasettimanale

Dopo un inizio di settimana a dir poco “burrascoso” per il mondo del calcio, con la notizia della costituzione della Superlega prima, della sua precoce cancellazione poi (il torneo è stato annullato solo 48 ore dopo il suo annuncio ufficiale, a causa della rinuncia di diverse squadre partecipanti), i tifosi si sono “rituffati” anima e cuore nella “nostra” cara e vecchia Serie A. Si è giocata la trentaduesima giornata; un turno infrasettimanale che ha visto vari risultati interessanti nelle diverse posizioni di classifica. A sei partite dalla conclusione del campionato, la capolista Inter allunga a +10 sui cugini milanisti, secondi. I neroazzuri di Conte impattano 1-1 al “Picco” di La Spezia, vantaggio dei liguri con Diego Farias al 12’, pareggio interista di Perisic al 39’. Il Milan cade a “San Siro” sotto i colpi di un brillante Sassuolo, 2-1 per gli emiliani guidati da De Zerbi: Calhanoglu al 30’ aveva portato in vantaggio il “diavolo”, la ribaltano i neroverdi con una doppietta di Raspadori (76’ e 83’). Al terzo posto momentaneo (in attesa del posticipo Roma-Atalanta), sale la Juventus che, allo “Stadium”, liquida con un netto 3-1 il Parma penultimo, con un piede e mezzo già in serie B. Ad aprire le marcature, al 25’, sono proprio i parmensi con Brugman, la rimonta della “Signora” avviene grazie alla doppietta di Alex Sandro (43’ e 47’) ed al colpo di testa dell’olandese De Ligt (68’). La Sampdoria, ormai salva, espugna lo “Scida” di Crotone per 1-0 grazie alla rete del bomber Quagliarella; calabresi sempre più ultimi, con la B ormai ad un passo. In chiave salvezza, la Fiorentina è “corsara” al “Bentegodi di Verona, sconfitto l’Hellas per 2-1. Doppio vantaggio viola: Vlahovic su rigore (45’) e Caceres (65’), dimezza lo svantaggio finale il gialloblu Salcedo (72’). Bologna e Torino si dividono la posta in palio; al “Dall’Ara” termina 1-1: rossoblu in vantaggio al 25’ con Barrow, pareggio ospite di Mandragora al 58’. Negli altri scontri salvezza, Genoa e Benevento danno spettacolo; finisce 2-2 al “Ferraris”, succede tutto nei primi venti minuti di partita: sanniti avanti grazie al rigore trasformato da Viola (5’), pareggio genoano con Pandev (11’), nuovo vantaggio campano con Lapadula (15’), pareggio definitivo ancora ad opera del macedone Pandev (21’). Il Cagliari coglie ad Udine tre punti fondamentali per la salvezza, 1-0 per i sardi grazie al rigore segnato dal brasiliano Joao Pedro (55’); gli isolani terzultimi con 28 punti “vedono” la salvezza a soli 2 punti dal quartultimo posto occupato dal Benevento a 30. In attesa dei due posticipi Roma-Atalanta e Napoli-Lazio la classifica è la seguente: Inter 76, Milan 66, Juventus 65, Atalanta 64, Napoli 60, Lazio 58, Roma 54, Sassuolo 49, Sampdoria 42, Verona 41, Bologna 38, Udinese 36, Fiorentina 33, Genoa 33, Spezia 33, Torino 31, Benevento 30, Cagliari 28, Parma 20, Crotone 15.

Torna su