Francesco Ruggieri nuovo Presidente della Sezione Turismo di Confapi Matera

Proseguono a ritmo incalzante le assemblee delle Categorie di Confapi Matera, chiamate a rinnovare gli organi in vista dell’Assemblea generale della prossima estate. Nei giorni scorsi si è riunita la Sezione Turismo, che raggruppa gli imprenditori operanti nel variegato e multiforme comparto turistico, e ha eletto Presidente il dott. Francesco Ruggieri, amministratore di Murgiamadre, azienda operante nella progettazione e realizzazione di eventi e fiere e nella promozione di attività turistiche, con sede a Matera. Quella delle imprese turistiche è una Categoria che nella città dei Sassi è cresciuta molto durante l’anno della capitale europea della cultura e che con la pandemia ha subito un duro contraccolpo, pur avendo nel 2020 Matera fatto registrare risultati di gran lunga migliori rispetto alle altre città d’arte del Paese. Il Presidente Ruggieri, che resterà in carica per il prossimo triennio, succede a Franco Braia di Quadrum, che ha guidato la Sezione negli ultimi anni, conseguendo risultati lusinghieri. “Durante il 2019 – ha dichiarato Francesco Ruggieri – il turismo nella provincia di Matera ha fatto registrare una notevole crescita, con un enorme aumento sia di arrivi che di presenze, sia di turisti italiani, che di turisti stranieri. Di <Matera 2019> ha beneficiato, oltre al capoluogo di provincia, anche la fascia jonica, che ha aumentato in maniera consistente le presenze e gli arrivi. Benefici minori ma non irrilevanti hanno riguardato le aree interne. Ormai possiamo dire che il turismo si è destagionalizzato”. “Dopo è arrivato il Covid e tutto si è fermato, anche se nell’estate 2020 Matera ha reagito molto meglio delle altre città d’arte, addirittura con numeri molto positivi. Le successive ondate ci hanno nuovamente messo in ginocchio e la prossima estate è attesa da tutti noi come un vero proprio banco di prova per misurare la tenuta del settore, che è in grado di movimentare un vasto indotto, come dimostra il mercato delle ristrutturazioni edili, che nel 2019 ha lavorato parecchio”.

Torna su