FP-Cgil: «Bene le 31 assunzioni al Comune di Potenza»

Riceviamo e pubblichiamo.

Bene l’atto di ridefinizione dell’assetto organizzativo con il nuovo funzionigramma approvato dalla giunta comunale di Potenza il 31 maggio scorso che prevede 31 nuove assunzioni di varie figure professionali. Apprezziamo lo sforzo fatto dall’amministrazione comunale per colmare la pesante carenza di personale in cui versa l’ente, come del resto tutte le amministrazioni pubbliche della regione che hanno visto negli ultimi anni una emorragia di personale dovuta al gran numero di pensionamenti: oltre un migliaio solo nell’ultimo anno che, sommato alle 2000 unità perse dal 2015 e mai rimpinguate a causa del blocco del turnover over, hanno inciso nelle amministrazioni pubbliche regionali. Le 31 nuove assunzioni potranno dare finalmente respiro a una macchina amministrativa che è quella istituzionalmente chiamata a dare servizi e risposte di maggiore prossimità ai cittadini e che fino ad ora ha dovuto fare leva sugli sforzi e le professionalità presenti. Pur comprendendo e condividendo la scelta di dare risposte immediate agli uffici ormai svuotati attingendo a graduatorie vigenti nella regione o a all’istituto della mobilità da altri enti, non vorremmo tuttavia che sfumassero del tutto in tal modo le speranze e le aspettative di chi attende da tempo,dopo anni di stagno che hanno impedito ai tanti aspiranti in cerca di occupazione di entrare nel mondo del lavoro,che vengano banditi concorsi pubblici come più volte annunciato in passato dalla stessa amministrazione. Riteniamo dunque necessario contemperare tutte le esigenze stabilendo, sulla falsariga di quanto definito per il comparto sanità, che si definisca una quota della capacità assunzionale da destinare ai concorsi, atteso che con le misure di semplificazione per lo svolgimento dei concorsi previste entrate in vigore l’1 giugno, si aprono le porte allo snellimento e alla velocizzazione delle procedure di reclutamento di personale.
LA SEGRETARIA GENERALE FP CGIL DI POTENZA, Giuliana Pia Scarano
LE RSU: Carmine Summa, Titti Masullo, Maria Teresa Siciliano, Donatella Zotta, Rocco Messina e Filomena Sileo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su