Disvelata rete di spaccio di droga a Lavello (PZ)

Oggi su disposizione della Procura della Repubblica – DDA di Potenza – militari dcl Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Vcnosa hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere nei confronti di CARDONE Antonio, degli arresti domiciliari nei confronti della compagna VURCHIO Michela e di CARDONE Alessandro, e del divieto di dimora nel Comune di Lavello nei confronti di AVIGLIANO Raffaele e VIRGILIO Cosimo Damiano. L’ordinanza cautelare è stata emessa dal Gip di Potenza su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia del capoluogo lucano all’esito di un’attività investigativa che ha permesso di disvelare una rete di spaccio di cocaina e hashlsh attiva a Lavello tra luglio del 2020 e maggio dcl corrente anno.
“Le indagini, svolte dai militari dcli’Arma della Compagnia di Venosa con il coordinamento della D.D.A. potentina, hanno preso avvio dal sequestro, operato dai Carabinieri di Lavello a luglio del 2020, di alcune dosi di cocaina che un assuntore del posto aveva poco prima acquistato da CARDONE Antonio il quale veniva subito avvisato dal cliente dell’avvenuto controllo e invitato a disfarsi dell’altro stupefacente. Tale circostanza induceva gli organi inquirenti a ritenere che il suddetto CARDONE Antonio avesse in corso una più vasta e articolata attività di spaccio che veniva effettivamente confermata -a livello di gravità indiziaria – dai successivi approfondimenti investigativi condotti attraverso attività di osservazione a distanza mediante videocamere, intercettazioni telefoniche e localizzazioni GPS. In particolari le indagini consentivano di acquisire un compendio indiziario ritenuto grave dal Gip, da cui risultava: un modus operandi consolidato che vedeva particolarmente attiva la coppia CARDONE­-VURCHIO che riceveva sotto il proprio domicilio i clienti a cui lo stupefacente veniva lanciato dal balcone, previo pagamento del corrispettivo che veniva riposto all’interno della vettura della coppia stessa; la circostanza che la suddetta coppia era coadiuvata sistematicamente da CARDONE Alessandro, fratello di CARDONE Antonio, nonché da VIRGLIO Cosimo Damiano e AVIGLIANO Raffaele; il fatto che quest’ultimo, unitamente ai fratelli CARDONE, fosse stato anche destinatario di in un rifornimento di mezzo chilo di hashish importato da Salerno attraverso l’impiego di un corriere-espresso, mezzo questo che veniva scelto proprio al fine di sottrarsi al rischio di arresti e sequestri connessi al trasporto della droga”.

“Nel corso delle indagini, avvalorate anche da una serie di riscontri culminati in vari sequestri di piccoli quantitativi di stupefacenti operati nei confronti dei clienti, sono emersi rifornimenti anche dalla zona del cerignolano. Lo spaccio al minuto, per la sua capillarità e pervasività, rappresenta un fenomeno di grave allarme sociale, specie in piccoli centri urbani, come quello di Lavello. La Procura della Repubblica di Potenza e gli organi di polizia giudiziaria sono quotidianamente impegnati nel contrasto a tale fenomeno che può essere efficacemente perseguito propno con iniziative investigative e cautelari come quella a cui si è appena dato corso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi