Calcio. Primo ruggito del Potenza, battuta l’Andria: 2-0

Al “Viviani” di Potenza va in scena l’ottava giornata del campionato di serie C, Potenza-Fidelis Andria, in palio punti importanti per la salvezza: lucani penultimi a 4 punti, pugliesi diciassettesimi a 5. Il Potenza è reduce dal pareggio di Vibo Valentia per 1-1, l’Andria dalla sconfitta per 3-1 al “Ceravolo” di Catanzaro. Pioggia battente sullo stadio del capoluogo lucano, campo scivoloso. Mister Gallo si affida al consueto 3-5-2: Marcone tra i pali, linea di difesa composta da Gigli, Sepe e Cargnelutti; a centrocampo Zampa, Sandri, Costa Ferreira sulla linea centrale, con Coccia e Guaita esterni a supporto della coppia di attacco Baclet-Sessa. Squalifiche importanti tra le fila rossoblu: Ricci, Matino e Salvemini. Modulo speculare per l’Andria di Panarelli: 3-5-2.

Parte bene il Potenza che nel giro di due minuti arriva al tiro da fuori area con Zampa (4′) e Guaita (5′): in entrambe le occasioni, tiri alti sopra la traversa. Al 10′ grande azione in velocità per i rossoblu: Baclet in contropiede, trova Guaita libero sulla destra, entra in area supera un difensore, appoggia a rimorchio per Zampa che tira a botta sicura trovando la risposta con i pugni di Dini, la difesa pugliese allontana. Al 17′ Costa Ferreira ci prova ancora per i rossoblu, tiro forte dal limite dell’area che si spegne sul fondo alla sinistra del portiere ospite. Dopo venti minuti di marca potentina, l’Andria prova a prendere le redini del gioco: al 26′ la punizione sulla trequarti di Bencivenga si infrange sulla barriera lucana; al 29′ Tulli sulla corsia sinistra si accentra, prova un velenoso rasoterra che si spegne sul fondo alla destra di Marcone. Al 40′ l’occasione più nitida del primo tempo per il Potenza: dal corner sinistro ottimo cross per Baclet che di testa nell’area piccola a botta sicura colpisce la traversa, la difesa andriese allontana il pallone. Si rientra negli spogliatoi sullo 0-0, senza minuti di recupero. Nella ripresa, al 51′ tiro velleitario del pugliese Bonavolontà da fuori area, termina distante dalla porta di Marcone. In tre minuti di gioco il Potenza ha tre nitide occasioni: al 52′ cross sulla destra di Guaita per Baclet che colpisce ancora di testa, la difesa respinge, presunto fallo di mani andriese con proteste potentine. Al 53′ sugli sviluppi del corner, Zampa di testa a botta sicura trova la traversa. Al 54′ ancora Guaita scatenato sulla destra crossa in area per Sessa, il tiro viene rimpallato in angolo dalla difesa. Al 55′ Gigli dalla sinistra crossa per Sandri che di testa colpisce la traversa: Potenza sfortunato, terzo legno della partita. Al 61′ il Potenza trova il meritato vantaggio: ancora Guaita scatenato sulla fascia destra, crossa in area un preciso traversone a scavalcare la difesa, Costa Ferreira lasciato solo davanti la porta, di piatto supera Dini: 1-0. Al 70′ l’Andria va vicino al pareggio: cross rasoterra dalla sinistra, Bubas da buona posizione in area svirgola. Al 72′ il neoentrato Volpe, si porta dietro la difesa ospite sulla fascia sinistra, appoggia al centro per Guaita che dal limite dell’area lascia partire un tiro forte che si alza sopra la traversa. Al 73′ quarto legno per i rossoblu: Cargnelutti da fuori area lascia partire un pallonetto preciso, avendo visto Dini leggermente avanzato, il pallone si stampa sulla traversa. 

Al 75′ meritato raddoppio per il Potenza: Volpe sulla fascia destra entra in area, lascia partire una sassata che Dini riesce con fatica a respingere, sul batti e ribatti in area piccola, Sessa é lesto a recuperare il pallone ed appoggiarlo per Coccia che davanti la porta non può sbagliare: 2-0.  All’83’ punizione dal limite dell’area per l’Andria, la sfera è deviata in angolo dalla barriera. Dopo 4 minuti di recupero, il triplice fischio dell’arbitro decreta la prima vittoria stagionale del Potenza. Grande prestazione degli uomini di Gallo che hanno annientato l’Andria. Vittoria che vale doppio, contro una diretta concorrente per la salvezza e considerate le nemerose assenze nei rossoblu. Il Potenza visto questa sera lascia ben sperare per il prossimo futuro; oggi inizia un “nuovo” campionato per il leone rampante. 

Tabellino

Potenza Calcio (3-5-2): Marcone, Sepe, Gigli, Cargnelutti, Sandri, Zampa, Costa Ferreira (77′ Maestrelli), Sessa (77′ Bruzzo), Coccia, Guaita (89′ Zenuni), Baclet (65’Volpe). All. Gallo
A disposizione: Greco, Orazzo, Nigro, Vecchi, Bruzzo, Zenuni, Volpe, Zagaria, Piana, Banegas, Maestrelli, Petriccione.

Fidelis Andria (3-5-2) : Dini, Venturini, Benvenga, Lacassia (50′ Carullo), Bubas, Casoli (87′ Dipinto), Nunzella (59′ Sabatino), Gaeta, Tulli (59′ Alberti), Bonavolontà, Alcibiade. All. Panarelli.
A disposizione: Vandelli, Paparesta, Carullo, Fontana, Dipinto, De Marino, Avvantaggiato, Sabatino, Pelliccia, Alberti, Zampano.

Arbitro: Acanfora di Castellammare di Stabia.
Asistenti: Severino di Campobasso e Ferrari di Rovereto.
Quarto uomo: Toro di Catania.
Ammonizioni: Gigli (P), Benvenga (F), Lacassia (F), Costa Ferreira (P), Bonavolontà (F).
Note: pioggia battente, 10 gradi circa.
Marcatori: 61′ Costa Ferreira (P), 75′ Coccia (P).
Angoli: 6 (P), 4 (F).
Recupero: 0′ (1T), 4′ (2T).
Spettatori: 1767 totali di cui 177 da Andria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi