Autonomia differenziata, Cifarelli PD: il presidente Bardi non prenda in giro i cittadini lucani

“Talvolta, preso dal senso delle istituzioni, ho deciso di stare in silenzio pur di evitare di dichiarare sdegno per come qualcuno interpreta la funzione pubblica e come vive il senso delle istituzioni. Tuttavia, dichiara il capogruppo PD in Consiglio regionale Roberto Cifarelli, c’è un limite a tutto: dopo una lunga discussione avvenuta in occasione del Consiglio straordinario richiesto dalle minoranze e della volontà di far esprimere la massima assise regionale con un voto sull’Autonomia differenziata – il Presidente Bardi con quello che il popolo chiama “faccia tosta” dichiara di non voler discutere di questo argomento perché qualcuno della minoranza era assente. Una scusa a dir poco puerile. Questa rappresentazione delle cose sfiora il ridicolo. Il pericolo dell’aumento del divario tra regioni ricche e regioni e della possibile ulteriore penalizzazione della Basilicata è troppo importante per essere affrontato in questo modo. Come affermato e gia dimostrato da tutti i settori della società lucana, la proposta di autonomia differenziata proposta dal Ministro Calderoli produrrà danni alla Basilicata ed il Presidente Bardi senza alcun mandato del Consiglio regionale non doveva aderire acriticamente a tale proposta sottoscrivendola in sede di conferenza Stato Regioni, peraltro isolando la Basilicata rispetto alle altre regioni del Sud. La motivazione è semplice ed insieme pericolosissima, ovvero il Presidente Bardi ha deciso di consegnare la nostra regione alle regioni del nord nel becero tentativo di strappare una ricandidatura…..sebbene già apertamente esclusa dalla sua stessa maggioranza. Stiamo assistendo ad una inimmaginabile fame di potere del Presidente Bardi che all’apparenza recita il ruolo del nonno rassicurante ed invece, con fare militare, è disposto a sacrificare qualsiasi cosa al cospetto di una sua ricandidatura. Lo abbiamo visto nei confronti del povero ex Consigliere Enzo Acito e dei suoi ”ex assessori messi alla berlina”: lo vediamo in quello che sta accadendo per la nomina dell’assessore all’agricoltura tenendo immobilizzato un settore da oltre 1 miliardo di PIL all’anno per la Basilicata; lo stiamo vedendo per l’approvazione del Bilancio regionale che è subordinato alle lotte di potere in seno alla maggioranza di centrodestra. Tuttavia, conclude l’esponente del Partito Democratico Roberto Cifarelli, sul tema dell’Autonomia differenziata, così come sulla Sanità e la transizione ecologica, energetica, digitale e sulle loro ricadute sociali apriremo una campagna di informazione e confronto piazza per piazza, sezione per sezione con i lucani per impedire che questo governo regionale svenda la storia e la dignità della nostra regione al cospetto della bramosia di potere del Generale – Presidente Bardi”.

radionoff
radionoff
Articoli: 8974