“Effetto Cobra”: quando un governo aggrava un problema

La definizione “effetto cobra” venne coniata dall’economista tedesco Horst Siebert per descrivere una situazione in cui la soluzione di un problema ne causa uno peggiore di quello a cui si stava cercando di porre un freno. Perché si chiama “effetto cobra”? Quando l’India era una colonia britannica, il numero di cobra nel paese era aumentato in maniera preoccupante, tanto che il governo inglese decise di offrire una taglia ad ogni cittadino che avesse consegnato un cobra morto. In un primo momento la misura contenitiva risultò molto efficace. Il numero di cobra diminuì drasticamente. Successivamente, però, gli indiani si resero conto che sarebbe stato più conveniente allevare i serpenti anziché sterminarli tutti. Il governo accortosi dell’inganno, decise di sospendere l’erogazione delle ricompense. Per ripicca gli allevatori liberarono i cobra dagli allevamenti, rifacendo aumentare esponenzialmente il problema originario.

Come nel caso indiano, anche in Vietnam, al fine di ridurre il numero di ratti, il governo decise di ricompensare chiunque avesse consegnato una coda di un topo, la quale avrebbe dovuto testimoniare l’eliminazione del roditore. Ben presto, però, le autorità vietnamite si accorsero che molti ratti nelle città del paese non avevano più la coda. I vietnamiti catturavano i topi, tagliavano le code e li liberavano affinché i roditori si riproducessero e continuassero a “generare altre code” da cui trarre profitto. Il governo, ovviamente, bloccò le ricompense.

Un altro esempio di effetto cobra lo si è avuto a Città del Messico con la politica “Hoy No Circula” lanciata dal governo messicano, che, per controllare e minimizzare le emissioni di gas inquinanti, vietava la circolazione nella capitale di un quinto dei veicoli dal lunedì al venerdì, in base all’ultima cifra della targa. I messicani, però, per aggirare il divieto, hanno acquistato automobili più vecchie, economiche ed inquinanti, al fine di disporre di targhe diverse e poter circolare liberamente. Ogni nazione, in fin dei conti, ha un effetto cobra, perché il motto “fatta la legge, trovato l’inganno”, è sempre attuale.

Nicola Cirigliano
Nicola Cirigliano
Articoli: 125

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *