Un libro sul comodino. “La macchina di Tesla” di Tom Paris & Dea Mantis

Parigi 1982. Il medico chirurgo Roland Smitser in seguito allo sviluppo del progetto di un macchinario di Nikola Tesla finora mai realizzato, scopre un metodo per far ritrovare i propri ricordi nella mente e nel corpo di un altra persona un attimo dopo la sua morte. Smitser è intenzionato a rivelare al mondo accademico e non solo la sua scoperta, secondo la quale la reincarnazione non è soltanto una teoria ma nasconde qualcosa di molto concreto e totalmente diverso da come gli esseri umani sono stati abituati finora a considerarla. Per l’occasione organizza un esperimento senza precedenti coinvolgendo l’ipnotista Jean Leclerc con il quale si è sottoposto a numerose ipnosi regressive sconvolgenti. sfruttando un composto chimico illegale:(Il Subrona-myl) Ma a pochi minuti dalla conclusione di quell’esperimento, inspiegabilmente Roland Smitser si uccide gettandosi dalla torre est della cattedrale di Notre Dame portando con se la sua scoperta.
Qualche decennio dopo, la macchina di Tesla e tutti i suoi studi, rimasti dimenticati negli anni in uno sgabuzzino, alla morte del fratello di Roland, entrano di diritto in possesso di suo figlio Alan, e la caccia ha inizio.

Default image
radionoff
Articles: 7001