Transizione energetica. Summa (Cgil): «Dalla Regione silenzio assordante, mentre a Tempa Rossa continuano le sfiammate e a 15 mesi dalla scadenza del rinnovo delle concessioni Eni. Il rischio è che la Basilicata resti fiori dallo sviluppo energetico del Paese»

“La Regione Basilicata in grandissimo ritardo per quelli che sono i processi evolutivi nel mondo e nel nostro paese rispetto al tema dell’energia. La transizione energetica è uno degli asset principali del Recovery Plan, tant’è che il governo Draghi ha istituito un ministero ad hoc. In Basilicata il dibattito è vecchio e rimasto legato al fossile, in una situazione che  peggiora sempre di più”. È quanto afferma il segretario generale Cgil Basilicata Angelo Summa. “Basta vedere tutte le sfiammate e la poca sicurezza dall’avvio di Total a Tempa Rossa – continua Summa –  in cui vengono fuori i limiti e tutto l’impatto ambientale oltre all’assenza in questo momento di un organo terzo come l’Arpab che deve svolgere una funzione  di controllo. Ancora a oggi non abbiamo una dotazione di centraline dell’Arpab che possano monitorare i livelli ambientali a Tempa Rossa, dove siamo ancora nelle logiche  controllore-controllato. Questo è un ritardo enorme su una delle attività più impattanti della nostra regione e da come governeremo questa fase di transizione dipende il futuro della Basilicata. Le altre regioni si stanno organizzando – continua Summa – e come Cgil siamo stati i primi a lanciare l’idea di un hub dell’idrogeno in Basilicata. Proposte destinate a cadere nel vuoto  se continua a persistere questo silenzio nel  dibattito politico regionale. Il governatore Bardi  a oggi non ha detto una parola sulla transizione energetica e di come saranno le coordinate del rinnovo delle concessioni Eni, ormai scadute da 15 mesi. Il rischio è che la Basilicata resti legata al fossile, accontentandosi di qualche risorsa in più di royalties, ma uscendo dallo sviluppo strategico della transizione energetica. Serve una grande mobilitazione a livello territoriale e un governo autorevole – conclude Summa – che candidi la Basilicata in questo nuovo piano di transizione energetica, altrimenti la Regione rimarrà legata al passato e al fossile”.

Torna su