«Adesso si pensi ai lavoratori dei servizi essenziali»