Serie A: i verdetti

L’ultima giornata del campionato di serie A ha decretato i verdetti finali che mancavano all’appello: Milan e Juventus raggiungono Inter e Atalanta in Champions League; il Napoli “scivola” negli ultimi 90 minuti in Europa League insieme alla Lazio.

Inter-Udinese 5-1: i campioni d’Italia chiudono la stagione nel migliore dei modi; netto successo contro la malcapitata Udinese nella partita della proclamazione per la vittoria dello scudetto. Per gli uomini di Conte in gol: Young (8’), Eriksen (44’), Lautaro Martinez su rigore (55’), Perisic (64’) e Lukaku (71’); per i friulani rete della “bandiera” di Pereyra (79’) dagli undici metri.

Atalanta-Milan 0-2: i rossoneri con la fondamentale vittoria a Bergamo conquistano il secondo posto, scavalcando proprio gli atalantini e qualificandosi alla Champions League dopo 7 anni di assenza. Per il “Diavolo” doppietta di Kessie, le reti entrambe su rigore: (43’ e 93’).

Bologna-Juventus 1-4: la “Vecchia Signora” grazie alla roboante vittoria allo stadio “Dall’Ara” ed alla contemporanea mancata vittoria del Napoli, si qualifica come quarta alla prossima Champions. Pirlo è riuscito a raggiungere l’obiettivo minimo stagionale dopo le vittorie della Supercoppa e Coppa Italia, “salvando” una stagione non particolarmente esaltante per i bianconeri. Reti juventine di: Chiesa (6’), doppietta di Morata (29’ e 47’) e Rabiot (45’); Orsolini (85’) rende il passivo meno pesante per i bolognesi.

Napoli-Verona 1-1: il Napoli di Gattuso, tra le mura amiche, “inciampa” contro un propositivo Verona, scivolando dal terzo al quinto posto e perdendo, così, per un punto la qualificazione in Champions, dovendosi accontentare dell’Europa League. Grande rammarico in casa partenopea, gli azzurri si sono dimostrati poco lucidi, avevano il destino nelle proprie mani; infatti, bastava una vittoria contro gli scaligeri ma non è arrivata; al rush finale il Napoli è stato superato dalla Juventus.

Al gol iniziale napoletano di Rrahani (60’) ha risposto il veronese Faraoni (69’).

La mancata qualificazione alla Champions League, è costata la panchina al tecnico Gattuso, esonerato con un tweet dal presidente Aurelio De Laurentiis.

Sassuolo-Lazio 2-0: i neroverdi chiudono con una bella vittoria il loro entusiasmante campionato, liquidata la Lazio con le reti di Kyriakopoulos (10’) e Berardi su rigore (78’). Il trainer emiliano De Zerbi saluta nel migliore dei modi la tifoseria del Sassuolo, dopo 3 stagioni positive lascerà l’Emilia per sedersi sulla panchina ucraina dello Shakhtar Donetsk. Il suo collega laziale Simone Inzaghi al momento sembra ai “ferri corti” col patron Lotito.

Spezia-Roma 2-2: scoppiettante pareggio al “Picco”; doppio vantaggio ligure con Verde (6’) e Pobega (38’), rispondono nella ripresa gli uomini di Fonseca con El Shaarawy (52’) e Mkhitaryan (85’).

Sampdoria-Parma 3-0: Claudio Ranieri chiude nel migliore dei modi la sua avventura sulla sponda blucerchiata di Genova, asfaltato il fanalino di coda Parma. Reti di Quagliarella (20’), Colley (44’) e Gabbiadini (64’).

Cagliari-Genoa 0-1: il “Grifone” è corsaro in Sardegna, si impone sui cagliaritani per 1-0 grazie alla rete di Shomurodov (15’) assestandosi all’undicesimo posto finale. 

Torino-Benevento 1-1: il “Toro” chiude il suo deludente campionato contro i sanniti già retrocessi; per i granata a segno Bremer (29’), pareggio giallorosso di Tello (72’).

Crotone-Fiorentina 0-0: pareggio di fine stagione tra i calabresi già retrocessi e i “viola” già salvi.

La classifica finale della seria A: Inter 91, Milan 79, Atalanta 78, Juventus 78, Napoli 77, Lazio 68, Roma 62, Sassuolo 62, Sampdoria 52, Verona 45, Genoa 42, Bologna 41, Fiorentina 40, Udinese 40, Spezia 39, Cagliari 37, Torino 37, Benevento 33, Crotone 23, Parma 20.

I verdetti: Inter (campione d’Italia e qualificata in C.L.), Milan, Atalanta e Juventus (qualificate in C.L.), Napoli e Lazio (qualificate in E.L.), Benevento, Crotone e Parma (retrocesse in serie B).

La classifica marcatori è stata vinta dallo juventino Cristiano Ronaldo con 29 reti, seguito dall’interista Lukaku con 24 gol e dall’atalantino Muriel a 22.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su