Potenza. Una Fondazione per il teatro “Francesco Stabile”

La proposta: «Un progetto nuovo e innovativo perché il Teatro Francesco Stabile diventi
un’importante istituzione culturale, uno spazio di creazione multidisciplinare con un suo articolato
progetto di produzione, di distribuzione/ospitalità, di formazione del pubblico, soprattutto
giovanile, e di valorizzazione della creatività emergente».

di Giuseppe Biscaglia, Francesco Giuzio e Valerio Tramutoli, consiglieri comunali di Potenza de “La Basilicata Possibile”

Il Teatro “Francesco Stabile” di Potenza deve diventare uno spazio di creazione multidisciplinare con un suo articolato progetto di produzione, di distribuzione/ospitalità, di formazione del pubblico giovanile e di valorizzazione della creatività emergente, attraverso il coinvolgimento attivo di altre istituzioni pubbliche e private e di un’articolata rete di soggetti presenti sul territorio.
Solo in parte le indicazioni contenute all’interno del “Piano triennale della cultura 2021-2023” dell’Amministrazione comunale di Potenza si muovono in questa direzione. C’è, piuttosto, una forte accentuazione a pensare al Teatro “Francesco Stabile” come ad un “Teatro Museo”, ma un’assoluta mancanza di indicazioni strategiche su un’idea di un possibile spazio di creazione multidisciplinare che costituisce, invece, la sua naturale vocazione/funzione. Per questo, anche sulla scorta di esperienze significative diffuse sul territorio nazionale, proponiamo all’Amministrazione comunale della città di riconoscere al Teatro “Francesco Stabile”
una personalità giuridica. Il passaggio consentirebbe allo Stabile di costituirsi come una vera e propria Istituzione culturale non solo di carattere cittadino e regionale, ma anche nazionale e internazionale, con un proprio autonomo progetto culturale e programmatico e con una propria struttura artistico-organizzativa in grado di valorizzare le professionalità diffuse sul territorio.
In questo modo, il Teatro “Francesco Stabile” potrà da un lato accreditarsi presso il Ministero della Cultura (MiC – Direzione Generale per lo Spettacolo / D.M. 27 luglio 2017 e s.m.), aprendosi alla possibilità di ricevere finanziamenti triennali e annuali provenienti dal FUS (Fondo Unico per lo Spettacolo), dall’altro iscriversi all’Albo regionale dei differenti soggetti/operatori che annualmente sono destinatari di finanziamenti regionali ed europei da parte della Regione Basilicata.
A questo proposito, si fa rilevare che la Regione Basilicata, pur riconoscendo con L.R. 37/2014 (“Promozione e sviluppo dello spettacolo”, art. 12, comma 4.) il Teatro “Francesco Stabile” di Potenza come “Teatro storico lucano” in quanto “da sempre luogo di eccellenza dello spettacolo dal vivo”, di fatto non ha mai proceduto ad inserirlo all’interno dei propri “Piani triennali e annuali dello spettacolo”, non rafforzando e non valorizzando, in questo modo, la sua specifica funzione ed il suo ruolo di “luogo di eccellenza dello spettacolo dal vivo”.
Per superare questo limite, il percorso politico-istituzionale per il riconoscimento del Teatro “Francesco Stabile” come Fondazione è un percorso da perseguire nel più breve tempo possibile – percorso che consentirebbe anche di ridefinire, attraverso nuove forme e modalità, lo stesso rapporto tra il Comune capoluogo e la Regione Basilicata in merito allo sviluppo di politiche innovative nel settore dello spettacolo dal vivo. La nostra idea di Fondazione è quella di una Fondazione aperta, partecipata, nella quale, accanto ai diversi attori istituzionali si possa costruire un’ampia rete di associazioni, di strutture pubbliche e private, di operatori, di professionalità e competenze diffuse, di semplici cittadini. In questo modo, si riuscirebbe a tenere insieme, all’interno della Fondazione, sia “l’elemento patrimoniale che la partecipazione dei diversi soggetti pubblici e privati che condividerebbero gli scopi dell’ente”.
I tempi per fare tutto questo sono molto stretti: a seguito della pandemia da covid-19, la Direzione generale per lo Spettacolo del MiC ha posticipato il nuovo triennio di programmazione agli anni 2022-2024, dando così la possibilità anche al nostro teatro – alla nuova Fondazione Teatro “Francesco Stabile”, che ci auguriamo possa nascere nel più breve tempo possibile – di potersi candidare al riconoscimento ministeriale tramite un progetto che sia caratterizzato da un’alta qualità artistica e dalla capacità di mettere in rete i differenti attori istituzionali e i diversi soggetti culturali operanti sul territorio.
Si potrà così dar vita ad un progetto in grado di far crescere culturalmente la nostra città, di aderire ai bisogni e ai desideri dei suoi cittadini, di offrire nuove opportunità lavorative, di valorizzare la creatività dei giovani e l’immaginazione dei bambini, di sostenere attraverso linguaggi nuovi le fasce più deboli, che rischiano sempre di più di rimanere ai margini dei nuovi processi culturali in atto.
Per tutti questi motivi, e per non perdere le opportunità che nei prossimi mesi si apriranno, il Gruppo consiliare de “La Basilicata possibile” invita il Sindaco, l’Assessore alla cultura, i consiglieri tutti ad avviare, nelle competenti sedi istituzionali, un percorso che sia finalizzato al perseguimento degli obiettivi culturali indicati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su