Potenza. Tassa di soggiorno: solo perplessità

Riceviamo e pubblichiamo la nota dei Consiglieri comunali Bianca Andretta, Angela Blasi, Roberto Falotico, Marco Falconeri, Francesco Flore, Angela Fuggetta, Rocco Pergola, Pierluigi Smaldone e Vincenzo Telesca.

Nei giorni scorsi abbiamo ascoltato la posizione di FederAlberghi, rappresentata da Michele Tropiano. Oggi, sempre in quinta commissione, sono arrivate altre bocciature pesantissime da parte della dott.ssa Triunfo ( Rappresentante Direttori d’Albergo) e dell’ avv. Matarrazzo per conto di Confindustria. Entrambi hanno condiviso ciò che, con molta umilta’, continuiamo a ripetere da settimane e hanno parlato della necessità di “Programmazione ed incentivi per un nuovo piano turistico per la ripresa, non di nuove tasse.” Come è facilmente immaginabile, tra l’altro, il settore turistico ha subito perdite incalcolabili in seguito ad i lunghi periodi di chiusure e restrizioni. In questo senso, una ulteriore imposta comporta nuovi oneri non soltanto per i turisti ma anche per gli operatori (organizzazione del servizio, responsabilità giuridica, ecc.). Si tratta di una vera e propria disincentivazione per chi prova ad investire con coraggio nel “Turismo della Ripartenza”. Un provvedimento del genere, come se non bastasse, è in netta contrapposizione con le politiche intraprese dalla stessa giunta regionale volte ad individuare obiettivi strategici per aumentare il bacino turistico potenziale anche nelle città capoluogo. A questo punto, considerata la netta contrarietà di tutte le categorie coinvolte, viene da chiedersi: l’amministrazione chi ha ascoltato quando ha pensato di introdurre questa nuova imposta? Evidentemente non erano soltanto il centrosinistra ed il consigliere Falconeri a considerarla inappropriata e fuori da ogni logica, soprattutto in un momento di crisi ed emergenza come quello che stiamo ancora vivendo.In ultimo, riprendendo il tema della “Programmazione”, ci limitiamo a segnalare che il 30 Giugno è oramai alle porte e non si intravede nessuna novità di rilievo in merito alla concessione gratuita degli spazi di suolo pubblico all’aperto per esercenti e ristoratori. Come al solito, tantissimi proclami ma nessuna reale novità…

Torna su