Pnrr e trasporti al Sud. Tarlazzi (Uiltrasporti): no quota ma priorità

“La quota dei fondi del Pnrr destinata al Sud deve essere intesa come una quota destinata all’Italia perché lo sviluppo del Sud significa crescita per l’intero Paese”. Così Claudio Tarlazzi, segretario generale della Uiltrasporti intervenendo a Potenza al congresso regionale dell’organizzazione sindacale.

“Abbiamo chiesto e ottenuto che il Ministero delle infrastrutture e mobilità sostenibili  – aggiunge – aumentasse al 55% la percentuale dei fondi di sua competenza per il Sud e abbiamo accolto con piacere la decisione di voler  dare priorità allo sviluppo dei collegamenti nel Mezzogiorno per il trasporto delle merci e la mobilità delle persone con l’estensione dell’alta velocità ferroviaria, oltre ai progetti di sviluppo della linea Taranto/Metaponto o della Ferrandina/Matera, che interessano direttamente la regione Basilicata. Questi fondi da soli probabilmente non basteranno, ma saranno preziosi per avviare un processo di sviluppo di tutto il mezzogiorno d’Italia, che puó e deve diventare un ponte logistico strategico per lo sviluppo e la crescita di tutto il sistema logistico italiano. Gli obiettivi prefissati sono molto ambizioni, ma anche profondamente necessari. Il lavoro da fare è molto, ma ogni attore in campo deve mettercela tutta per cercare di non sprecare questa irrinunciabile opportunità”.  

Tarlazzi ha detto inoltre: “Ora dobbiamo vigilare con molta attenzione affinché questi progetti vengano portati a termine. Serve collaborazione tra le istituzioni, le parti sociali e soprattutto i soggetti attuatori perché sviluppare i trasporti significa accorciare le distanze e  costruire una visione di futuro del Mezzogiorno d’Italia e questo è indispensabile per garantire un pieno sviluppo economico e sociale del nostro Paese”. 

Default image
radionoff
Articles: 7001