Incendi stabilimenti balneari Scanzano Jonico (MT)

“Gli ultimi incendi in pochi giorni che hanno interessato gli stabilimenti balneari di Scanzano Jonico, con tutta probabilità dolosi, lanciano l’ennesimo allarme da un territorio in cui il tema della legalità deve essere al centro dell’azione politica dell’intera regione. Occorre non sottovalutare i fenomeni criminosi che si stanno sempre più radicando in Basilicata. L’istituzione della Dia è stato sicuramente un passo importante: un plauso va all’attività del procuratore della Repubblica per l’operazioni di contrasto alla criminalità organizzata, ma c’è bisogno di una mobilitazione della società civile tutta”.

Lo afferma il segretario generale della Cgil Basilicata, Angelo Summa, che aggiunge: “Abbiamo celebrato il primo maggio a Scanzano proprio per chiedere alle istituzioni di uscire dall’ambiguità e di essere presenti a Scanzano con importanti presidi di legalità. E uno di questi è proprio la Città della pace, strumento importante per la lotta al caporalato, l’altra faccia della illegalità in questa terra ricca di risorse, dall’agricoltura alle splendide coste. Bisogna dire basta a questa cultura del sopruso, del ricatto, dello sfruttamento. Chiediamo pertanto alla Regione Basilicata – conclude Summa – un primo segnale di vicinanza non solo a parole, ma con i fatti, completando nell’immediato l’iter per l’apertura della Città della pace, simbolo dell’accoglienza e della legalità”.

Immagine predefinita
radionoff
Articoli: 7300