Figliuolo dice basta allo spreco di dosi: «Chiunque passa va vaccinato»

Saranno somministrate 500mila dosi al giorno e l’80% degli italiani verrà vaccinato entro settembre.

“Voglio approfondire la questione delle dosi buttate. Bisogna utilizzare il buonsenso: se ci sono le classi prioritarie che possono utilizzarlo bene”, altrimenti “si va su classi vicine o sennò su chiunque passa va vaccinato; questo bisogna fare”. Lo ha detto il commissario straordinario all’emergenza Covid, Francesco Paolo Figliuolo, a “Che Tempo che fa”. “Dobbiamo accelerare, fare un cambio di passo – ha aggiunto – per andare a regime con 500 mila vaccinazioni al giorno per far sì che entro fine settembre almeno l’80% degli italiani sia vaccinato”. Per riuscirci, ha sintetizzato Figliuolo, “si potrebbe dire più vaccini, più vaccinatori, più centri dove vaccinare”. Altri step: “per fine di questo mese arriveremo a 15 milioni di dosi, nel prossimo trimestre è previsto l’arrivo di 52 milioni di dosi e quello dopo di 84 milioni”. Certo, “ci sono stati problemi e ce ne saranno in futuro, ma andremo a bilanciare perchè avremo un’arma in più che è il vaccino di Johnson & Johnson che è monodose, stabile e quindi facilmente trasportabile”, per cui “avremo nel secondo e terzo trimestre circa 25 milioni di dosi, che è come averne 50 mln rispetto ai vaccini odierni”, che richiedono una seconda dose. Per quanto riguarda i badanti “sarebbe delittuoso” non vaccinarli, ha osservato in merito ai cargiver, ovvero coloro che si occupano di assistere disabili o anziani in difficoltà. 

“Ora la svolta o perderemo tutto”

“Si sta capendo ora – ha sottolineato ancora il commissario – che è il momento della svolta o perderemo tutto: lo dobbiamo alle nostre radici, ai nostri anziani, sono morte 100 mila persone. Tutto sta che arrivino i vaccini, poi quando arriveranno in massa si farà fuoco con tutte le polveri: satureremo tutti i siti, si andrà, ci si vaccinerà e chiuderemo la partita”. Per adesso, ha aggiunto,”chiedo agli italiani di voler bene a tutti coloro i quali stanno dando tutti se stessi” per fronteggiare l’emergenza, “parlo dei nostri medici e infermieri”, poi “se ci sono sbavature, vi dico che miglioreremo”, ma “sono sicuro che il nostro popolo straordinario farà la sua parte, come ha sempre fatto nei momenti difficili e vinceremo questa battaglia”. Infine Figliuolo ha evidenziato che  “c’è stata una forte azione da parte di Draghi sui presidenti delle case farmaceutiche, io stesso ho sentito tutti gli amministratori delegati”.

Torna su