FCA, Evangelista (Fim-Cisl): «Con Stellantis Melfi proganista globale, ma la politica faccia la sua parte»

Riceviamo e pubblichiamo

“Con Stellantis il polo automotive di Melfi potrà giocare un ruolo da protagonista nella scacchiera dei siti produttivi della nuova società. Le sinergie globali sono fondamentali per competere in un mercato che ha bisogno di investimenti e innovazione continua. Ovviamente, appena saranno completate le operazioni di fusione bisognerà ragionare con il nuovo management del futuro piano industriale del gruppo. Per noi è fondamentale mettere in sicurezza gli stabilimenti italiani sul piano occupazionale e avere un programma chiaro e ambizioso di sviluppo dei modelli e delle tecnologie. Da questo punto di vista siamo fiduciosi. Oggi i problemi vengono soprattutto fuori dalle fabbriche. Trascurare l’importanza del polo industriale che ruota intorno ad Fca e non comprendere che una fabbrica nasce e si rigenera solo se ci sono le condizioni adatte, è inaccettabile. Permangono deficit infrastrutturali e di servizi, penso ai trasporti, che non sono compatibili con lo status globale di una fabbrica come Fca. Ci aspettiamo dai governi nazionale e regionale una spinta sulle politiche industriali per valorizzare pienamente il potenziale territoriale di Fca”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.