Diritto all’aborto in Italia e nel mondo: obiezione respinta

di Sara Pollice

Il 29 dicembre quando abbiamo registrato questa puntata le compagne argentine di NiUnaMenos Argentina hanno vinto la loro battaglia per l’ottenimento di una legge che legalizza il diritto di aborto! Siamo state, siamo e saremo tutte vicine alla loro lotta!

Oggi parliamo con Chiara Lombardo di Obiezione Respinta. Abbiamo deciso di fare una puntata su questo tema perché il diritto all’aborto e a una giustizia riproduttiva come dite nel vostro libro “Obiezione Respinta! diritto alla salute, giustizia riproduttiva” è molto caldo sia a livello nazionale che a livello internazionale. In un articolo pubblicato da Obiezione Respinta su “Intersezionale” il 28 dicembre (Family Act, una critica femminista) vengono bene evidenziate le connessioni tra quelle che sembrano essere istanze di attacco al diritto all’aborto, sia attraverso la legislazione sia attraverso una repressione vera e propria che vuole cancellare completamente il diritto all’aborto. L’esempio sono naturalmente i governi polacco e ungherese che hanno attaccato direttamente e drasticamente la possibilità di abortire con strumenti legislativi. Tuttavia anche in Italia la situazione è molto precaria. Sta per essere varato il “Family Act” che mette in primo piano la famiglia come centro propulsivo della società sottintendendo la ripresa di vecchi stereotipi, soprattutto per il ruolo delle donne, minando concretamente i diritti acquisiti nel campo dell’autorealizzazione e nel potere, appunto e di nuovo, disporre del proprio corpo non come un corpo solamente riproduttivo. Questo il quadro in cui agisce Obiezione Respinta, realtà nata dal movimento NonUnaDiMeno nel 2016 e operante a Pisa e su tutto il territorio nazionale. Parliamo con Chiara Lombardo di tutte le iniziative e della filosofia che anima Obiezione Respinta. Tra le altre: l’iniziativa della mappatura del territorio, il libro edito da Prospero editore ”Obiezione respinta! Diritto alla salute e giustizia riproduttiva” e infine come Obiezione Respinta ha reagito alla situazione che si è presentata con la diffusione del Covid-19 e delle misure di restrizione varate dal governo per fermarne la diffusione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.