Dall’inizio dell’anno è sbarcato il triplo di migranti

Torna a farsi serrato, complici le buone condizioni meteo, il ritmo degli arrivi via mare di migranti: dall’1 gennaio a oggi sulle coste italiane ne sono sbarcati 12.894, il triplo rispetto ai 4.184 dello stesso periodo dell’anno scorso. E secondo l’ultimo aggiornamento del report quotidiano online del ministero dell’Interno, dei 3.881 arrivi di maggio, più della metà (2.146) si sono concentrati negli ultimi due giorni. Tra l’1 gennaio e il 10 maggio di due anni fa gli arrivi erano stati 1.009. Sulla base di quanto dichiarato in fase di identificazione, il 13% dei migranti sbarcati quest’anno è originario della Tunisia, il 10% della Costa d’Avorio, il 9% del Bangladesh, il 7% della Guinea, il 5% del Sudan, il 5% dell’Egitto e il 5% dell’Eritrea. I minori stranieri non accompagnati sbarcati dall’1 gennaio al 3 maggio di quest’anno sono 1.373, a fronte dei 4.687 arrivati in tutto il 2020. E un bambino – secondo l’Organizzazione delle migrazioni (Oim) – figura tra le cinque vittime dell’ennesimo naufragio avvenuto al largo della Libia: la barca sulla quale si trovavano si è capovolta. I sopravvissuti sono stati soccorsi dalla Guardia costiera libica, che ieri ha riportato a terra in tutto 700 persone. Intanto si fa difficile la situazione della struttura di accogllenza di Lampedusa dove in 48 ore sono arrivati più di 2 mila migranti: molti di loro hanno dormito al porto.

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi