Consiglio comunale di Potenza. Capigruppo di maggioranza: «Il ricordo quale antidoto perché le atrocità diventino binari dai quali ripartire»

“Il ricordo quale antidoto alle ideologie, a tutte le ideologie, affinché gli errori, le atrocità della storia diventino i binari dai quali ripartire”, questo uno dei passaggi dei diversi interventi che i capigruppo di maggioranza hanno tenuto durante la commemorazione delle vittime delle foibe nel ‘Giorno del Ricordo’. Sul terrazzo del Palazzo della Cultura e del Turismo, dopo l’accensione di una candela, la cui fiamma rimarrà viva per tutta la giornata, sulle note della violinista Giulia Rubino, i rappresentanti dei gruppi consiliari di maggioranza hanno letto alcuni messaggi, bruciando i fogli sui quali gli stessi messaggi erano scritti. “Memoria di una storia italiana sempre considerata di secondaria importanza. Memoria di tutti quegli italiani che hanno dovuto subire torture e omicidi. Memoria dei più fortunati, che invece sono stati costretti all’esodo dalle loro terre, dalle ex province italiane della Venezia Giulia, dell’Istria, di Fiume e della Dalmazia. Nell’era del relativismo, dove c’è ancora chi si arroga il diritto di infangare la memoria, ricordare è un obbligo”, una delle dichiarazioni che si sono alternate alle note musicale che facevano da intermezzo. “Pur di scolorire la tragedia delle foibe e il dramma dell’esodo si ricorre a due argomenti: erano pochi gli infoibati, ed erano fascisti su cui si esercitava una comprensibile vendetta. Oggi ricordiamo tra le altre solo una vittima, che da sola basterebbe a spiegare la ferocia delle ideologie. Si chiamava Angelo Adam, meccanico, ed era di Fiume. Il 2 dicembre 1943 era stato deportato dai nazisti a Dachau, con il numero di matricola 59001. Era sopravvissuto ed era tornato alla sua città. Nel 1945 venne prelevato con la moglie dai titini e scomparve. Come la figlia diciassettenne, che aveva chiesto notizia dei genitori. Angelo Adam aveva 45 anni, era italiano, era antifascista, ed era ebreo” una delle citazioni menzionate nel corso della mattinata.

Torna su