Carlucci (M5S): «Da Capitale della Cultura a Capitale del Medioevo?»

“Fa male constatare che nella nostra Basilicata la donna debba ancora faticare per esercitare la piena sovranità sul proprio corpo.  E no, non elemosiniamo aiuto, esigiamo il rispetto del nostro corpo nonché di una legge faticosamente ottenuta, dopo anni di mammane, ferri da calza, violenze, abusi, infezioni e morti. Bisogna intervenire immediatamente”. È quanto sostiene la consigliera regionale lucana dell’M5S, Carmela Carlucci. “Piena solidarietà nei confronti del Collettivo Donne Matera e soprattutto di tutte quelle donne a cui nessuno ha risposto.  Sono passati pochi giorni dalle celebrazioni dell’8 marzo e io torno a dire che la donna va rispettata e non celebrata come se fosse una specie animale in estinzione. Su questo mi aspetto la repentina mobilitazione da parte di tutte le Istituzioni lucane”.

Torna su