Azione a destra o a sinistra?

di Carmine Ferrone, Consigliere provinciale di Potenza

Oggi si è tenuto il tavolo del centrosinistra dove la discussione si è incentrata prevalentemente sul metodo per la individuazione del candidato Presidente.
Leggendo l’ultima dichiarazione del segretario di Azione mi pare ci sia ancora da sciogliere un nodo preliminare: Azione e quindi Marcello Pittella vogliono stare nel centrosinistra o guardano a destra?
Si è da poco rinnovato il Consiglio provinciale e Azione ha aderito alla lista unitaria del centrosinistra, eleggendo i suoi consiglieri tanto a Potenza che a Matera.
Non era già forse quella una chiara scelta di campo?

Il campo giusto, per noi, resta sempre quello delle forze progressiste e antifasciste.
Non comprendiamo come per Pittella, Giorgia Meloni e i suoi dirigenti locali, possano essere uno steccato superabile, considerato che è stato l’ultimo Presidente, scelto proprio con le primarie.
Sorprende moltissimo che proprio chi ha beneficiato di quello strumento, oggi lo rifiuti e lo denigri senza ritegno.
Proprio le primarie consentirono a Pittella di provare a realizzare la sua Rivoluzione Democratica.

Dove sono finiti i rivoluzionari?
E soprattutto, dov’è finito il coraggio di chi le chiedeva a gran voce, pensando che altri preferissero il caminetto al confronto democratico?

“Il coraggio se uno non ce l’ha, mica se lo può dare”
I lucani si aspettano scelte coraggiose, unità e responsabilità.
Ogni parola che sa di fiele è terreno regalato a questo scellerato governo di centrodestra.
Non voglio pensare che sia questo l’obiettivo.

intervento
intervento
Articoli: 890