Ambiguità, contraddizioni e tentennamenti nella diplomazia

di asterisco

Le mutevoli giustificazioni che il titolare della Farnesina ci elargisce nel caso di Ilaria Salis dicono e non dicono. Si rispolvera l’eclatante caso dei Marinai italiani arrestati e detenuti prima nelle carceri indiane e poi agli arresti domiciliari nell’ambasciata italiana, per sottolinearne la sostanziale differenza ma sorvolando su quanto era successo inizialmente per giungere poi a quella situazione.

Un onesto cittadino, rispettoso delle istituzioni, si chiede se legittimamente sia stato possibile fare un decreto che assegnasse il compito di vigilanza e protezione armata di una nave mercantile italiana a uomini appartenenti alla Marina Militare Italiana, a causa degli attacchi di pirateria nel Pacifico, e perché ne sia stato permesso l’arresto. Forse perché sono stati ritenuti più importanti i risvolti economici del carico da consegnare per evitare penali? La dignità militare del ministro e del capo di stato maggiore della difesa, perché è stata messa in sordina? Non certo ci si trovava, nello scacchiere internazionale e orientale, in una situazione critica come quella attuale!

La memoria corta della nostra classe di governo dovrebbe essere più chiara e precisa in proposito, fingere di lambiccarsi il cervello e poi arrampicarsi sugli specchi con assurde dialettiche giuridico-diplomatiche, per scoprire null’altro che l’uovo di Colombo è il fin troppo abusato istrionismo della politica!

radionoff
radionoff
Articoli: 9701